Salta al contenuto principale

Ha chiuso la cucina

di Maso Cantanghel

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
2 minuti 0 secondi

Ha chiuso questa settimana il ristorante di Maso Cantanghel. Lucia Gius ha lasciato. Aveva creato la struttura là, al Forte di Civezzano, 35 anni fa col marito, dopo 15 anni di «Parol» a Povo. E dopo altri anni vissuti nelle cucina del ristorante della famiglia paterna, sotto il Castello del Buonconsiglio, a Port'Aquila. Ora un monumento della cucina trentina tradizionale (con Manuel Tamanini, il suo giovane braccio destro che l'ha seguita e servita in questi ultimi 18 anni) lascia la presa. Se il Trentino ci capisse davvero, Lucia Gius potrebbe essere la vera ambasciatrice della cucina trentina tradizionale, una donna da portare nel mondo a rappresentare i nostri valori culinari. Se... la cosa dice della distanza siderale che ci separa dai vicini sudtirolesi che sulla tradizione hanno costruito la loro grandezza.

Lascia Maso Cantanghel Lucia Gius. I tavoli del ristorante ieri erano al completo per questo addio. C'era anche Masa, cioè Masayuki, il giapponese che dal 2003 viene in Trentino e che parla bene la nostra lingua e che dà una mano a Lucia. E naturalmente Manuel, che dicono troveremo in una enoteca perginese a partire dalle prossime settimane ma che oggi piange. La fine... Peccato, peccato davvero perdere questo avamposto assoluto della cucina tradizionale trentina, uno dei pochi luoghi in cui la nostra cucina era al centro.

Chiude con Lucia la tradizione dei Gius a Trento. Quella di famiglia era la trattoria in cui... canederli, gnocchi verdi, orzetto, trippe e cacciagione era ciò che voleva il turista o il semplice visitatore di Trento. Era la trattoria in cui mangiavano i Maestri (quelli dell'Anna e del Cesare) ma anche i Cesco Baseggio, gli Aldo Moro e i Bartali... vecchi attrezzi di un passato che fu. 52 anni nella ristorazione Lucia e nessuna festa per lei. Strano per chi dice di voler valorizzare le tradizioni. «Sono qui col cuore che scoppia. - dice Lucia - Molta gente oggi, con fiori e regali, segni di affetto». Ma nessuna autorità, niente del Trentino ufficiale. Strano davvero. Dovrebbero fare di Lucia l'ambasciatrice della cucina trentina ma, probabilmente, diranno che la nostra cucina assomiglia a quella sudtirolese... No, non è proprio così. 

È finita la storia dei Gius in cucina, con Lucia Gius, l'imperatrice di Maso Cantanghel. Davvero, non sappiamo valorizzare le nostre ricchezze. C'è chi si sente italiano, chi vorrebbe essere ancora austriaco. E invece siamo trentini. Quelli del filetto di persico, sì. E della minestra di orzét.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy