Salta al contenuto principale

Malè: Pesca, inizio col botto

Cattura marmorata di 2,3 kg

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
1 minuto 54 secondi

Partenza col botto per la stagione della pesca in Val di Sole. Già nella giornata di apertura dell'attività nelle acque correnti dei torrenti Noce e Rabbies - che come da tradizione coincide con la prima domenica di marzo - si è registrata una elevata presenza di pescatori ed anche una buona pescosità . A tale riguardo da segnalare la cattura dell'esperto pescatore di Malé Mario Baggia , che lungo il Noce poco a valle della Passerella sul Noce di Malè è riuscito a cogliere all'amo un bellissimo esemplare di trota marmorata, del peso di 2.346 grammi. Decisamente soddisfatto per il positivo avvio della stagione della pesca si è dichiarato anche Fabio Arnoldi presidente dell'Associazione Pescatori Solandri, sodalizio che è concessionario della pesca nelle acque correnti e stagnanti presenti in Val di Sole, Val di Rabbi, Val di Peio e Val Meledrio, ambito che rientra tra i più ricchi d'acqua del Trentino. Complice anche la bella giornata con temperature primaverili, l'apertura della pesca ha visto un'elevata presenza di pescatori registrando un notevole incremento sia per quanto riguarda i soci che i permessi giornalieri. La buona pescosità lungo tutta la tratta dei torrenti Noce e Rabbies ha fatto felici i numerosi pescatori che hanno trascorso una domenica piacevole all'aria aperta. A testimoniare l'aumento dell'interesse per la pesca in Val di Sole sono gli stessi guardiapesca che confermano l'elevata presenza di pescatori anche nei giorni successivi all'apertura, numeri che non si vedevano da anni.
Per esercitare la pesca nelle acque in concessione è sufficiente un documento di riconoscimento valido ed il permesso di pesca a pagamento temporaneo, non essendo più necessaria la licenza governativa. Oltre alle acque correnti la prima apertura della pesca per quanto riguarda le acque stagnati è quella prevista a giorni presso il laghetto Magic Lake di Commezzadura, che l'associazione ha da quest'anno in concessione con lo scopo sia di alleggerire la pesca nelle acque correnti già provate dagli eventi calamitosi dello scorso autunno, fauna ittica decimata anche dalle costanti incursioni dei cormorani, ma anche per organizzare corsi di pesca rivolti ai ragazzi della Val di Sole nonchè quale luogo di svago e relax per i turisti nella stagione estiva. Per quanto riguarda gli altri laghi la pesca si potrà praticare dal 1° maggio al Lago dei Caprioli, dal 26 maggio al Lago Pian Palù e dal 3 giugno negli altri laghi.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy