Salta al contenuto principale

Mezzolombardo, il rilancio di Cartatrentina

Quattro assunzioni e 2,3 milioni di investimenti

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
3 minuti 9 secondi
Investimenti per due milioni e quattro assunzioni. La Cartotrentina si amplia a Mezzolombardo nello stabilimento lasciato libero da Rotaliana grazie all’intesa con Provincia e Trentino Sviluppo. Nei giorni scorsi è stato siglato l’accordo tra il titolare Franco Dolzan, il vicepresidente Alessandro Olivi e il consigliere delegato di Trentino Sviluppo Sergio Anzelini.
L’azienda si contraddistingue nella produzione di scatole in cartone di forte impatto estetico e negli ultimi anni si è proposta su mercati esteri facendo registrare un significativo incremento del volume d’affari.
«Quest’azienda - ha evidenziato Alessandro Olivi - è un bell’esempio di Trentino produttivo che sta crescendo senza strappi, un passo dopo l’altro, con un forte orientamento alla qualità, alla sostenibilità e alla cooperazione con il territorio».
«Gli imprenditori bravi – ha sottolineato ancora Olivi - hanno oggi bisogno di investire in capitale umano, tecnologie e conoscenze, sicuramente meno di un tempo nei “muri” della propria azienda. Per questo con Trentino Sviluppo abbiamo operato seguendo un approccio sartoriale e venendo incontro alle esigenze di un’impresa che per crescere doveva sì aumentare la propria superficie produttiva ma non poteva distrarre risorse preziose da ciò che fa davvero la differenza sul mercato: le tecnologie, i macchinari e i processi produttivi innovativi, il personale qualificato».
«Oggi – ha sottolineato Franco Dolzan, titolare di Cartotrentina, parlando ai dipendenti riuniti in fabbrica - è un giorno importante. Stiamo firmando un contratto per poterci ampliare in un ulteriore stabilimento poco distante dall’attuale, abbiamo già acquistato dei nuovi macchinari e tra gennaio e febbraio inizieremo la produzione. Da questa azienda escono ogni anno 30 milioni di scatole che vanno in tutta Italia e in tutta Europa. Per noi è motivo di orgoglio portare il nome del Trentino all’estero. Con questo investimento ed i rapporti commerciali che stiamo costruendo su nuovi mercati, come quello francese, ci aspettiamo di poter incrementare i pezzi prodotti e le opportunità di lavoro a beneficio del territorio».
È un articolato gioco di squadra tra istituzioni e operatori economici privati quello messo in atto da Provincia e Trentino Sviluppo nella Piana Rotaliana, per valorizzare al meglio i diversi compendi industriali presenti sul territorio.
A fronte del trasferimento della Rotaliana dalla storica sede in località Rupe al Bic di Mezzolombardo, inaugurata il 9 ottobre scorso, la società di sistema provinciale ha infatti emesso un avviso pubblico rimettendo a disposizione degli imprenditori quei medesimi spazi produttivi di cui è proprietaria.
L’appello è stato raccolto da Cartotrentina, azienda che produce packaging su misura per diversi settori, tra i quali quello vinicolo. L’impresa, fondata nel 1989 da Franco Dolzan e Wanda Cattani e gestita oggi assieme al figlio Daniele, ha brevettato in Italia e in diversi Paesi europei «Unicobox», una confezione innovativa dove scatola e separatori interni sono un corpo unico e la colla antiscivolo da spruzzare sul fondo evita la scivolosità. L’azienda nello scorso triennio si è aperta al mercato internazionale, arrivando ad esportare il 15% del proprio prodotto e registrando tassi costanti di crescita del fatturato pari al 14% l’anno, arrivando nel 2016 a sfiorare i 13 milioni di euro.
Trentino Sviluppo si farà carico della bonifica integrale dell’amianto e del completo rifacimento della copertura del compendio “ex Rotaliana”, concedendo quindi lo stesso in locazione a Cartotrentina ad un canone di mercato, agevolato con la concessione dei contributi provinciali in regime di “de minimis”.
L’azienda, da parte sua, si impegna ad investire 2,3 milioni di euro nell’acquisto di macchinari innovativi per le lavorazioni di fustellatura ed incollatura ad alta precisione dei vari prodotti e ad effettuare quattro nuove assunzioni, passando dagli attuali 37 a 41 addetti entro la fine dell’anno 2018.
Un ulteriore impegno che va ad aggiungersi a quanto già realizzato da Cartotrentina nel 2017, ovvero un investimento di oltre 3,4 milioni di euro per l’ampliamento dell’attuale sede e per l’acquisto di una stampatrice di ultima generazione.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?