Salta al contenuto principale

Roma, salta il ritiro di Pinzolo

Preparazione estiva rinviata

Apt e sindaco allibiti: «Non si può annullare tutto così»

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
2 minuti 32 secondi

Niente ritiro a Pinzolo per la Roma. Il club giallorosso ha comunicato con una nota che la squadra non si allenerà in Trentino dal 29 giugno al 7 luglio, come in un primo momento era stato programmato. «Dopo un confronto tra il nuovo allenatore Paulo Fonseca, la direzione sportiva e i dirigenti che compongono il management, è stata presa la decisione di posticipare l’inizio della preparazione estiva a causa dell’incertezza sulla data del primo impegno ufficiale della nuova stagione» spiega la Roma, ricordando poi per bocca del Ceo, Guido Fienga, che la decisione di cancellare il ritiro di Pinzolo è stata presa «per assicurarci che la squadra sia nel miglior stato di forma possibile in vista della nuova stagione.
Comprendiamo il disagio arrecato ai tifosi che avevano già prenotato viaggio e alloggio per seguirci e stiamo cercando la soluzione migliore che possa alleviare il dispiacere causato da questa comunicazione giunta in ritardo». Nei prossimi giorni sarà annunciata la nuova data di inizio della preparazione estiva. La Roma è infatti in attesa di novità dall’Uefa riguardo la sentenza che può estromettere il Milan dalla prossima Europa League e far saltare quindi i preliminari della seconda competizione europea ai giallorossi.

Tutto nasce dal fatto che la Roma, finito il campionato, aveva deciso di anticipare il ritiro precampionato proprio per farsi trovare pronta per i preliminari di Europa League e aveva così accettato la proposta avanzata da Trentino Marketing e Apt Madonna di Campiglio, Pinzolo e Val Rendena di tornare a Pinzolo. Il periodo previsto era da sabato 29 giugno a domenica 7 luglio, giornata in cui il programma prevedeva la disputa di un’amichevole sul campo Pineta prima di lasciare la località turistica rendenera.

C’è però di mezzo la decisione del Tas (il Tribunale di giustizia sportiva) che potrebbe confermare l’esclusione, che pare ormai scontata, del Milan dall’Europa League a causa del mancato «faiplay» dei bilanci scorsi. La Roma accederà così direttamente alla fase a gironi, che inizierà il 19 settembre, e il Torino approderà al secondo turno di qualificazione, che invece è in calendario il 25 luglio. Se i granata saranno così costretti ad anticipare il loro raduno al 4 luglio, i giallorossi potranno da parte loro invece posticiparlo all’8-9 luglio, annullando quindi il ritiro di Pinzolo, come confermato oggi.


Un’ipotesi, questa, che naturalmente non era piaciuta per nulla a Trentino Marketing e all’amministrazione comunale. «È impossibile annullare il ritiro - ha affermatola scorsa settimana il sindaco Michele Cereghini -. È stato firmato un contratto tra le parti e abbiamo ormai terminato tutti i preparativi per accogliere la Roma a Pinzolo. Abbiamo lavorato incessantemente per nove giorni per organizzare in fretta e furia il ritiro giallorosso. Siamo entusiasti di riavere la Roma in Val Rendena, abbiamo ottimi ricordi sia della squadra che dei tifosi. La Roma è un partner serio ed efficiente: abbiamo già terminato anche la preparazione per gli eventi che si terranno all’interno del paese».

E una brutta sorpresa anche per tutti quei tifosi che nel frattempo si sono precipitati a prenotare viaggi e alberghi per seguire da vicino i giallorossi.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy