Salta al contenuto principale

Coppa Cev, Trento vola in finale

Adesso la Dinamo Mosca

Chiudi

Foto Andrea Nardon - www.altopianodipine.com

Apri
Chiudi

Foto Andrea Nardon - www.altopianodipine.com

Apri
Chiudi
Apri
Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
4 minuti 5 secondi

Trento in finale! Battendo per 3 a 1 lo Zaksa, la Energy TI Trentino Volley guadagna il diritto di giocarsi la Coppa Cev con la Dinamo Mosca. Un grande successo, a quattro anni dall'ultima finale. Trento ha vinto con merito, con parziali 25-17, 23-25, 25-22, 25-18. Dunque appuntamento per il 7 aprile a Trento, con ritorno l'11 aprile a Mosca.

La cronaca della gara
Radostin Stoytchev conferma lo starting six già proposto in avvio di gara all’Azoty Arena martedì sera: Zygadlo in regia, Nemec opposto, Kaziyski e Lanza in posto 4, Birarelli e Solé centrali, Colaci libero; Sebastian Swiderski, allenatore dello Zaksa, lo imita e risponde nuovamente con Zagumny al palleggio, Van Dijk opposto, Kooy e Ruciak schiacciatori, Rejno e Gladyr centrali, Zatorski libero.

L’avvio dei gialloblù è bruciante: dopo pochi secondi è già 5-2 grazie anche a due errori ospiti propiziati dall’intensità difensiva dei padroni di casa. Swiderski ricorre subito ad un time out discrezionale ma la musica non cambia perché Nemec è ispirato in attacco e offre un ulteriore allungo (10-6). L’opposto slovacco trova anche un ace che vale il +5 sul 15-10, subito imitato e superato da Kaziyski che ne mette in fila addirittura tre al rientro dalla seconda pausa tecnica per 19-11. Il finale di set è in assoluta scioltezza grazie ad una fase di cambiopalla senza particolari problemi (20-14, 22-16) che Zygadlo gestisce al meglio verso il 25-17 (muro di Birarelli sul neoentrato Witczak).

Il secondo parziale inizia in maniera troppo fallosa per l’Energy T.I. Diatec Trentino, che con due errori in attacco diretti lancia subito i polacchi in fuga sull’1-4 ma la situazione di punteggio viene immediatamente raddrizzata grazie a Solé e agli ace di Kaziyski, che prima pareggia i conti sul 7-7 e poi offre l’accelerazione dei suoi (10-7, time out Swiderski). Lo Zaksa si disunisce torna a sbagliare a rete anche con il brasiliano Loh (in campo per Ruciak) e subisce un altro break (14-10); il calo di tensione è però sempre in agguato e con Gladyr al servizio il Kedzierzyn-Kozle si riporta a meno due (16-14) costringendo Stoytchev ad interrompere il gioco prima di pareggiare i conti coi servizi vincenti del neoentrato Abdel-Aziz (due consecutivi per il 17-17). Un muro di Solé su Rejno riappropria Trento del vantaggio (20-19) che però dura poco perché con Kooy al servizio (altro ace) i polacchi tornano avanti (22-24) e chiudono sul 23-25 alla seconda palla set (attacco dell’ex Van Dijk).

Le battute punto (2) di Lanza e i break point fra muro e attacco di Kaziyski scuotono la Trentino Volley in apertura di terza frazione (4-1, poi trasformato in 8-4). Lo Zaksa non si arrende e con Abdel-Aziz confermato in cabina di regia risale la china sino al 9-9 grazie ad un ace dell’alzatore olandese e agli attacchi di Loh. La lotta riprende quindi punto a punto (12-12, 14-14), poi ci pensa Van Dijk ad accelerare per il Kedzierzyn-Kozle (14-16), ma Solé non ci sta e col muro segna un controbreak (19-17). Lo spunto finale per l’assegnazione del terzo set lo segnano un errore di Van Dijk (22-19) e un servizio in rete di Ruciak (25-22).

Il duello riprende nel quarto set con Van Dijk che torna protagonista spingendo i polacchi al nuovo vantaggio (6-9) dopo una iniziale parità sino al 6-6. Stoytchev inserisce Giannelli in cabina di regia e la squadra trova nuovo impulso dall’innesto pareggiando i conti già a quota 12. Birarelli alza la barriera (14-12) costringendo Swiderski a richiamare in causa Zagumny ma Nemec con la battuta spinge Trento al +3 (16-13). Nel finale si scatena Lanza (19-14) e Kaziyski lo segue con la battuta (22-14). Il 3-1 e il pass per la finale arriva sul 25-18 con errore di Kooy al servizio.

«Sono molto soddisfatto stasera: risultato, gioco, reazione e qualificazione alla finale era quello che volevamo e siamo riusciti ad ottenerli in una bella serata di pallavolo – ha commentato al termine della gara Radostin Stoytchev – . Ci siamo meritati il pass giocando con tutto quello che avevamo sia la gara d’andata sia quella di ritorno, dimostrando di essere superiori ad uno Zaksa comunque molto forte. I ragazzi sono stati bravissimi a vincere tutte le tre difficili partite di questa settimana, partendo con quella di Modena e chiudendo con quella odierna. Ce ne attenderanno di ancora più complesse ma la direzione intrapresa è quella giusta».

ENERGY T.I. DIATEC TRENTINO: Zygadlo, Lanza 10, Solé 15, Nemec 17, Kaziyski 18, Birarelli 10, Colaci (L); Fedrizzi, Giannelli, Nelli. N.e. Mazzone e Burgsthaler. All. Radostin Stoytchev.
ZAKSA: Ruciak 2, Gladyr 8, Van Dijk 17, Kooy 14, Rejno 6, Zagumny 1, Zatorski (L); Abdel-Aziz 8, Witczak 1, Loh 7, Kazmierczak. N.e. Zaplacki. All. Sebastian Swiderski.
ARBITRI: Geukes di Stoccarda (Germania) e Mylonakis di Atene (Grecia).
DURATA SET: 24’, 29’, 29’, 28’; tot. 1h e 50’.
NOTE:  2.310 spettatori. ENERGY T.I. Diatec Trentino: 11 muri, 13 ace, 10 errori in battuta, 6 errori azione, 52% in attacco, 57% (28%) in ricezione. Zaksa Kedzierzyn-Kozle: 5 muri, 7 ace, 16 errori in battuta, 10 errori azione, 46% in attacco, 46% (28%) in ricezione. Mvp Kaziyski.

 

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy