Salta al contenuto principale

Schumacher in clinica a Parigi

operazione top-secret al cervello

con le cellule staminali

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
2 minuti 36 secondi

Michael Schumacher è ricoverato nel reparto di chirurgia cardiovascolare dell’ospedale Georges Pompidou, a Parigi. Lo rivela il quotidiano Le Parisien, spiegando che la barella sul quale è stato trasportato l’ex pilota tedesco è arrivata all’Istituto parigino, scortata da almeno una decina di persone.

Secondo il giornale transalpino il campione di Formula 1, le cui condizioni di salute restano coperte dal mistero dopo il grave incidente sugli sci del 29 dicembre 2013, quasi sei anni fa, sarà sottoposto a una cura con cellule staminali, probabilmente guidata dal professor Philippe Menaschè, celebre chirurgo cardiaco e pioniere della terapia cellulare nella cura dell’insufficienza cardiaca.

Al Georges Pompidou, peraltro, oggi è stato avvistato anche il famoso chirurgo ortopedico Gerard Saillant. Contattato dai media francesi, Menaschè non ha voluto confermare la notizia nè parlare delle cure alle quali dovrebbe essere sottoposto domani Schumacher, il quale sarebbe già stato visitato per due volte all’ospedale Pompidou la scorsa primavera.

Un intervento sperimentale con staminali su una persona in coma, come quello a cui probabilmente è sottoposto Michael Schumacher, è stato tentato anche qualche anno fa in Italia.

Lo afferma Angelo Vescovi, direttore scientifico dell’IRCCS Casa Sollievo della Sofferenza, secondo cui è giusto provare una terapia sperimentale se non ci sono alternative ma sempre seguendo i principi dell’etica e della sicurezza del paziente. «Circa 5-6 anni fa ero stato contattato da una persona che conosceva la famiglia di Schumacher, che mi aveva chiesto se si poteva fare qualcosa, ma poi non se ne fece più nulla - ricorda Vescovi -. In quel periodo con il mio gruppo avevamo fatto un tentativo, dopo l’ordine di un giudice, iniettando nel cervello di un ragazzo in coma le stesse cellule che usiamo per la sclerosi multipla, con risultati abbastanza buoni. Dopo il caso Stamina però è cambiata la legge, e da noi questo uso compassionevole è diventato molto più difficile, praticamente impossibile. Al momento però possiamo solo fare ipotesi su cosa stiano facendo a Parigi, anche perchè non esistono dati pubblicati sull’uso di staminali su persone in coma, anche se non possiamo escludere che i ricercatori che seguono il pilota abbiano qualche risultato preliminare, magari sugli animali».

Tecnicamente, aggiunge l’esperto, non è difficile «portare» delle staminali nel cervello. «E’ possibile che si cerchi di infondere qualche tipo di cellula nei ventricoli cerebrali, tecnicamente ormai è un intervento quasi di routine, che anche noi utilizziamo nei test sui pazienti con sclerosi multipla - spiega -. Lì le cellule riducono l’infiammazione, e rilasciano sostanze nutritive che teoricamente potrebbero dare dei benefici anche per una persona in coma. Personalmente non sono contrario a questo tipo di tentativi, purchè siano fatti sotto il controllo di un comitato etico, in sicurezza per il paziente e nel rispetto delle leggi, come sicuramente sta avvenendo a Parigi. Certo, ora si rischia di creare un caso mediatico, che potrebbe portare alla nascita di cliniche che offrono trattamenti campati in aria, magari in paesi meno controllati del nostro o della Francia. Questo è un rischio che si potrebbe evitare investendo in un test fatto a regola d’arte, per cui non servirebbero molti fondi e che potrebbe dare indicazioni utilissime, visto quanti pazienti in coma ci sono».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy