Salta al contenuto principale

Mtb, ai mondiali masters

è dominio dell'Italia

Chiudi
Apri
Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
2 minuti 33 secondi

L’esordio dei mondiali di mountain bike Masters in Italia si è trasformato in un vero e proprio successo sia sul piano agonistico. La forza sportiva degli atleti azzurri si è concretizzata nella conquista di 12 titoli iridati quasi la metà della metà di quelle messe in palio dall’UCI. Questa fantastica edizione dei Mondiali Master Val di Sole 2016 ha visto il predominio degli atleti azzurri sia nel Cross country sia nella Downhill. Nel medagliere complessivo l’Italia (12-10-9 | 31) domina nettamente davanti a Francia (6-2-3 | 11), Spagna (2-5-2 | 9), la Svizzera (2-1-1 |4) e il Canada (2-0-1 | 3). Seguono Svezia (1-1-2 | 4), Rep. Ceca e Austria (1-0-1 | 2), Irlanda e Australia (1-0-0 | 1). Una medaglia d’argento è stata conquistata da Perù e Usa, un bronzo dalla Nuova Zelanda.

Nelle Cross country gli italiani hanno conquistato otto titoli iridati, cinque medaglie d’argento e nove di bronzo, di cui tre oro, tre argenti e tre medaglie di bronzo sono venute dall’Italia Rosa. A indossare la maglia iridata sono state Valentina Garattini (Niardo for Bike) nella categoria 30-34, dalla veronese Camilla Bertossi (Asd Bike Store Costermano) nella cat. 50-54 e dalla friulana Chiara Selva (Spezzotto Bike Team) nella categoria 35-39.

Medaglie d’argento Monica Maltese (Pavan free Bike), la piacentina Chiara Mandelli (Team Spacebikes) e la veronese Lorena Zocca (Sc Barbieri). Bronzo alla varesina Karin Tosato (ASD Team Emmebike), alla veneziana Luisa De Lorenzo Poz (Team Estebike Zordan) e alla bergamasca Silvia Filiberti (Lugagnano Off Road).

In campo maschile le cinque medaglie d’oro sono state conquistate dal bergamasco Oscar Lazzaroni (2R Bike Store) nella categoria 40-44 anni, dal forlivese Gilberto Perini (Avis Pratovecchio Errepi Lee) nella categoria 50-54 dal bresciano Natale Bettineschi (Boario Asd) nella categoria 55-59 e dal trentino Silvano Janes (Brao Caffè - Unterthurner) nella categoria 60-64. È 11/o titolo iridato per Janes, di cui otto in Mtb e tre su strada. Come Lazzaroni ha partecipato al primo Mondiale Mtb Uci disputato a Durango (Usa) nel 1990. Il quinto titolo è merito di Fabio Zampese (Asd Bike Pro Action) categoria 30-34. Il bottino italiano è rimpinguato dalle due medaglie d’argento del bergamasco Claudio Zanoletti (2R Bike Store) tra i 55-59 e del bresciano Roberto Viviani (Racing Rosola) tra i 60-64. Sul terzo gradino del podio sono infine saliti sei azzurri: il laziale di Anzio Massimo Folcarelli (Race Mountain promo Ciclyng) nella cat. 40-44, il toscano di Arezzo Sauro Nocenti (Cavallino Specialized) tra i 45-49, il vicentino Nereo Canale (Scavezzon Squadra Corse) tra i 50-54, il bronzo il ligure - piemontese Alberto Riva (35-39), e i trentini Renzo Valentini (Team Bsr) nei 60-64 e Andrea Zamboni (Brao Caffè - Unterthuner) categoria 30-34.

Nel downhill sono arrivati quattro ori e cinque argenti. Sul gradino più alto sono saliti il valdostano Corrado Herin categoria 50-54 anni, il vercellese Paolo Alleva categoria 40-44, il piacentino Ernesto Pedroni categoria 60-64enni (5:50.14) e la veronese Giovanna Bonazzi, categoria 50-54. I cinque argenti sono finiti al collo di Riccardo Vinetti 60-64 anni, Giancarlo Mazzoni categoria 50-54, Federica Amelio categoria 30-34, Giuliana Gollini 40-44 e Anna Ivana Sparano 50-54.

 

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy