Salta al contenuto principale

Ecco la Juventus targata Sarri

«Bella, solida e spietata

ma che sappia divertire»

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
1 minuto 59 secondi

Cambiare senza stravolgere, guardare al futuro senza dimenticare gli anni, e le vittorie, di Allegri. A una settimana dalla sua presentazione ufficiale di Maurizio Sarri inizia a delinearsi la nuova Juventus. Quella che dovrà «divertirsi e far divertire, coniugando vittorie e risultati positivi», sostiene il tecnico per la gioia della società che lo ha scelto e dei tifosi bianconeri, che sperano di perdonargli presto il suo passato al Napoli.

Certo all’inizio non sarà facile. «È un’eredità difficile, è una società che ha vinto tanto - ammette lo stesso Sarri nella sua prima intervista a Juventus Tv -. Sarà difficile ripetere i risultati di questi ultimi cinque anni, anche numericamente».

Anche perchè la concorrenza si sta rafforzando. Sarri non è l’unico allenatore al rientro in serie A. «Sarà un campionato frizzante - è la previsione dell’ex Chelsea -. Torna Conte in una società ambiziosa come l’Inter, Giampaolo finalmente potrà allenare una grande, senza dimenticare Ancelotti con il Napoli.
Fonseca ha grandi doti e al Sassuolo c’è l’emergente De Zerbi».

L’obiettivo è scaricare le responsabilità dalle spalle dei calciatori bianconeri, nonostante la presenza di Ronaldo e il possibile arrivo di campioni come De Ligt o Rabiot. «Dobbiamo dimenticare le responsabilità, divertire e divertirci - ripete quasi come un mantra -. Tenteremo di giocare più palloni, questa è una filosofia di gioco». Resta però fondamentale che nel corso della stagione emerga quel cinismo che aveva reso grande la Juventus di Allegri, quella dei cinque scudetti consecutivi e delle due finali di Champions League. «Vorrei che la squadra conservasse alcune caratteristiche di Allegri - conferma -. Sembrava a un passo dal finire sotto, ma poi ti schiacciava. Resistere alle difficoltà e poi distruggere l’avversario in dieci minuti».

Lo sa bene il tecnico ex Napoli, propositivo e dominante contro la Juventus ma spesso sfortunato nel capitalizzare. «Fino a un anno prima era la nemica storica con cui avevo combattuto anche in maniera forte: se non tiri fuori il 120% non puoi pensare di sconfiggerla». Il sogno di Sarri è che sia lo stesso anche per la sua Juventus. Perchè «quando ti alzi la mattina l’obiettivo è uno - dice -: vincere». Anche in Europa, nonostante il livello delle avversarie sia superiore. «Bisogna viverla per quello che è, una Juve così straripante fa pensare a tutti che possa essere lo stesso in Europa - conclude - ma il nostro movimento, purtroppo, oggi non è questo».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy