Salta al contenuto principale

Le pagelle dello scudetto:

CR7 al top, delusione Costa

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
2 minuti 34 secondi

Le pagelle dell'ottavo scudetto bianconero.

Szczesny 8 (24 presenze-14 gol subiti): ha raccolto senza timori l'eredità di Buffon. Il rigore parato a Higuain la prima firma importante. Stagione nel complesso da numero 1, in tutti i sensi. Perin 6.5 (9-6): sapeva che soffiare il posto a Szczesny non sarebbe stato facile, ha dovuto accontentarsi di essere il secondo. Operato alla spalla, ha chiuso l'annata con 40 giorni di anticipo.

Cancelo 7.5 (21-1) qualche imperfezione in fase difensiva a inizio stagione, ha carburato in fretta. Spesso un'arma in più.

Bonucci 7.5 (25-3): ritorno non facile dopo l'anno al Milan, con la tifoseria divisa, alla fine è riuscito a convincere quasi tutti.

Chiellini 9 (21-1): una roccia, capitano e leader, a 35 anni è stata una delle sue stagioni migliori. Sempre con il passo giusto a guidare la difesa

Barzagli 7 (6 presenze): gli acciacchi l'hanno tormentato, non ha alzato bandiera bianca.

Rugani 7 (14-2 gol): nelle gerarchie non aveva guadagnato un granché e forse per Allegri non era ancora una prima scelta fino alla notte di Amsterdam.

Alex Sandro 7.5 (28-1): annata a fasi alterne, ma il posto sulla fascia sinistra resta suo.

De Sciglio 6.5 (19): strada sempre in salita per guadagnare il posto, non è riuscito a spiccare il salto.

Spinazzola 7 (7): partito con l'handicap dell'infortunio che l'ha tenuto a lungo fuori, si è confermato acquisto azzeccato.

Caceres 6.5 (11 presenze in A, 7 con la Juve): cavallo di ritorno a gennaio, si è adeguato al ruolo di rincalzo, senza sfigurare.

Benatia 6 (5): l'addio a dicembre, per avere un posto da titolare. Un divorzio annunciato.

Pjanic 8 (27-2): consolidato nel ruolo di regista basso, ha giocato un'altra ottima stagione. Detta i tempi del gioco bianconero.

Emre Can 7.5 (25-4): centrocampista o difensore, Allegri ha sfruttato la sua duttilità, un muro spesso insuperabile.

Bentancur 7 (29-2): ancora un po' discontinuo, ma più solido. Una pedina spesso fondamentale.

Khedira 7 (10-2): l'intervento per l'aritmia l'ha costretto a ripartire quasi a fine stagione. Si è rivisto contro il Milan.

Matuidi 8 (27-3): sostanza e spessore a centrocampo, Allegri l'ha risparmiato solo quando lo ha visto molto affaticato. Sempre ad alto livello.

Cuadrado 6.5 (13-1): troppo a lungo costretto a rimanere fuori per infortunio, Allegri ha perso un'arma tattica importante.

Bernardeschi 7.5 (25-2): avvio con qualche difficoltà poi è diventato quasi insostituibile.

Douglas Costa 5.5 (17-1): infortuni e la squalifica di 4 turni per lo sputo a Di Francesco lo hanno lungamente limitato. Solo 7 gare da titolare.

Dybala 7.5 (27-5): Allegri lo vuole 'tuttocampista'; con CR7 al posto di Higuain è forse quello che ha dovuto cambiare di più.

Mandzukic 8.5 (24-8): girone di andata ad altissimo livello, tanti gol e assist, un vincente in tutte le zone del campo. Alla distanza è venuta fuori un po' di usura, ma non si risparmia mai.

Ronaldo 9 (27-19): la Juve l'ha preso per vincere la Champions, ma il primo scudetto italiano non poteva sfuggirgli. Squadra e tifosi gli perdonano qualche giocata un po' egoistica. Un leader che non si è appannato anche se in Coppa non ha potuto fare i 'miracoli'.

Kean 8 (9-6): al rientro dopo il prestito al Chievo, è esploso nel finale di stagione, segnando anche tanti gol.

Nicolussi sv (2 presenze): l'esordio in A contro l'Udinese.

Kastanos, Gozzi e Mavididi (1 presenza): per tutti e tre debutto a Ferrara contro la Spal

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy