Salta al contenuto principale

Aquila, a Sassari spareggio

per la Coppa Italia

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
2 minuti 33 secondi

Persa la sfida impossibile ai campioni d’Italia dell’EA7 Milano, la Dolomiti Energia torna in campo già sabato sera al PalaSerradimigni di Sassari per affrontare nell’anticipo della undicesima di campionato (palla a due ore 20.30, diretta regionale su Trentino TV) un Banco di Sardegna Sassari che, a dispetto di un roster profondissimo e di indiscusso valore tecnico, è reduce da quattro sconfitte consecutive in Serie A.

«Dopo aver inserito a roster Gani Lawal, in settimana Sassari ha ingaggiato anche una point guard con tanti punti nelle mani come David Bell, allungando ulteriormente l’elenco di giocatori di spessore a disposizione» spiega il vice coach della Dolomiti Energia Vincenzo Cavazzana. «Per questo sarà difficile immaginare che partita sarà quella di sabato. Di certo noi veniamo da una buona settimana di lavoro, in cui abbiamo fatto tutto con grande energia, sfruttando e canalizzando nel modo giusto la rabbia che ci è rimasta dentro dopo la sconfitta di domenica scorsa contro Milano. Andremo quindi a Sassari con la consapevolezza di esserci allenati nel modo giusto, convinti di dover riproporre l’atteggiamento avuto in occasione delle ultime due trasferte a Pistoia, dove abbiamo sfiorato il successo arrivando al supplementare su un campo difficile, e Pesaro, dove siamo riusciti a fare risultato pieno. Su questa mentalità proveremo a riproporre il bell’impatto gara che siamo riusciti a produrre contro Milano».

Sui problemi al tiro da fuori dell’Aquila, Cavazzana ritiene che la squadra «sta lavorando, per migliorare sia scelte che percentuali d’esecuzione. La nostra filosofia è quella di individuare gli aspetti su cui crescere, e lavorarci sopra per farlo, valorizzando le doti dei nostri giocatori e migliorandole. Lo abbiamo sempre fatto in passato, continueremo a farlo».

Sull’involuzione di Jefferson Cavazzana spiega che «a Pesaro abbiamo deciso di cambiare assetto di squadra per essere più pericolosi in attacco, e credo che Johndre abbia fatto bene, a prescindere da qualche calo nei numeri».

Per la guardia Riccardo Moraschini Trento dovrà correre in campo aperto, «visto che deve essere uno dei nostri punti di forza, specialmente facendolo dopo recuperi difensivi o rimbalzi». «Il fatto che Sassari sia una squadra che quest’anno corre poco però non deve farci pensare che il contropiede ad ogni costo debba essere l’unica chiave di lettura della gara. Sassari infatti è anche una di quellle squadre che si accendono facilmente, spinte da una tifoseria e da un campo molto caldo. Quindi dovremo sapere correre nel modo giusto, riuscendo anche a controllare il ritmo per evitare di andare fuori giri e permettere alla Dinamo di accendersi».

Moraschini, poi, avverte i suoi compagni: «Occhio a Dusko Savanovic: è un elemento davvero completo, che sa giocare a basket e conosce a fondo la pallacanestro avendone viste davvero tante in carriera. In un momento in cui Sassari ha bisogno di tornare a vincere, penso che lui farà valere le sue qualità e la sua personalità e per questo dovremo farci attenzione. La nostra classifica? Forse è un pochino bugiarda, nelle ultime cinque giornate abbiamo perso tre gare in volata e avremmo quindi potuto avere tranquillamente quattro punti in più».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy