Salta al contenuto principale

Festival dello Sport, seconda edizione

Il tema: «Il Fenomeno, i Fenomeni»

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
2 minuti 9 secondi

Sarà dedicato al tema «Il Fenomeno, i Fenomeni» la seconda edizione del ‘Festival dello sport’ in programma a Trento dal 10 al 13 ottobre.
«Sono due parole chiave che fanno sognare, perchè assegnati a personaggi straordinari del mondo dello sport», ha detto Gianni Valenti, vice direttore della Gazzetta dello sport e curatore scientifico del Festival«. »La seconda edizione ha l’ambizione di raccontare grandi personaggi e grandi manifestazioni e grandi. Siamo sicuri che potremmo raccontare grande storia di sport«, ha aggiunto Valenti.
Il programma è stato presentato questa mattina nel corso di una conferenza stampa organizzata al Muse.

«Ci saranno i grandi fenomeni dello sport, quindi gli uomini copertina, ma non solo. Cercheremo di raccontare anche la storia di fenomeni meno conosciuti che hanno un grande seguito in alcune comunità sportive. Il binario sarà sempre quello dello scorso anno: grandi atleti di oggi e icone che possono raccontare cose importanti. Il tema è molto sfidante, ci piacciono le sfide. Chi fa sport, come noi che con lo sport lavoriamo, deve sempre porsi degli obiettivi nuovi». Lo ha detto il vice direttore della Gazzetta dello Sport, Gianni Valenti e curatore del Festival, intervenendo a Trento a margine della presentazione dell’edizione 2019 del Festival dello Sport, in calendario dal 10 al 13 ottobre 2019.

Il tema della prossima edizione sarà «il Fenomeno, i Fenomeni», ed il format proposto sarà quello vincente dello scorso anno, con  interviste e conferenze da un lato e le piazze dove praticare lo sport dall’altro.
«Trento ed il Trentino sono parte integrante del Festival.

Nel 2018 abbiamo avuto 50.000 presenze. Le persone sono rimaste impressionate dalla qualità degli appuntamenti ma hanno anche vissuto un’atmosfera speciale grazie ad associazioni sportive e Apt di Trento sulle piazze della città. Sul 97% degli eventi della passata edizione si è raggiunto il tutto esaurito. Quindi lavoreremo sulla qualità degli eventi perchè tutto possa funzionare al meglio e far si che chi viene a Trento si possa fermare più di una giornata», ha aggiunto il ceo di Trentino Marketing, Maurizio Rossini.

«Qui abbiamo trovato interlocutori fantastici, per noi è l’ambiente ideale per realizzare un evento di questo genere. E quindi abbiamo pensato di ripetere, anche se l’asticella è bella alta, ma noi siamo sportivi e dobbiamo superare i nostri limiti anche quest’ anno», ha commentato Francesco Carione, direttore generale di Gazzetta dello Sport. «A Trento abbiamo trovato una città e un territorio perfetti per raccontare una storia che può ripetersi ogni anno. L’idea è dare allo sport italiano, per la prima volta, un luogo un cui discutere i propri valori attraverso la propria storia», ha aggiunto il direttore della «rosea», Andrea Monti.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy