Salta al contenuto principale

«Pensare positivo» dopo le cadute

L'incontro con gli studenti

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
2 minuti 16 secondi

Circa 200 alunni delle scuole medie rendenere (Pinzolo, Spiazzo e Campiglio) hanno gremito il Paladolomiti di Pinzolo, venerdì mattina, per un incontro organizzato dall’Istituto comprensivo della Rendena, in collaborazione con i Rotary Club di Campiglio e di Cremona. Sul palco i sindaci della zona, dirigente, insegnanti e testimonial d’eccezione.


Partiamo da questi ultimi, perché il titolo (intrigante) dell’incontro suonava così: «360 gradi, Sport Vision, pensare positivo». E quando si dice «pensare positivo» vengono alla mente esempi di persone capaci di reagire di fronte alle emergenze che possono colpire, anche duramente, nella vita. E non ci sono solo gli Alex Zanardi, già campione di automobilismo, oggi (dopo la perdita dell’uso delle gambe) olimpionico di handbike: la realtà è più viva di quanto si pensi.


Ai ragazzi convenuti al Paladolomiti hanno parlato, ma soprattutto hanno raccontato esperienze vissute, i protagonisti di «resurrezioni» dopo cadute. Prendi Giovanni Zeni (Canottieri Baldesio di Cremona), che dopo un incidente stradale non può più contare sulle gambe, ma si è rimotivato alla vita nello sport: nel tennis in carrozzina. Cecilia Maffei (foto) (star di casa) ha raccontato dell’infortunio per il quale si temeva non potesse partecipare alle Olimpiadi; invece, con una volontà di ferro, si è ripresa e ha avuto il suo momento di gloria in Corea.
Il gruppo Freestyle di Madonna di Campiglio ha portato l’esperienza di un ragazzo russo preso a 13 anni e fatto crescere dall’allenatore, che lo ha portato alle Olimpiadi.


Quanto ai sindaci, si sono detti orgogliosi della collaborazione proficua esistente fra le Amministrazioni comunali e l’istituzione scolastica rispetto in particolare all’inclusione. Collaborazione che non significa solo partecipazione economica, ma condivisione sul piano dei progetti.


Non poteva mancare l’esperienza del dirigente scolastico Massimo La Rocca , che dovendo parlare di «Educare alla resilienza» ha narrato storie coinvolgenti del suo recente passato: infatti, prima di arrivare in terra rendenera, è stato mandato dal Ministero a coordinare la rinascita scolastica ad Amatrice. Nelle terre vicine all’epicentro del terremoto del centro Italia il professor La Rocca ha avuto modo di lavorare a stretto contatto con la Protezione Civile trentina, cercando di dare, oltre all’edificio, anche una organizzazione alla scuola ed una motivazione ai ragazzi ed alle famiglie.


Motivazione. A parlarne è stata Patrizia Ferri , docente di educazione fisica, secondo la quale «le difficoltà servono proprio per riprogettare e riorganizzare il proprio percorso di vita».
Per l’Istituto comprensivo della Rendena maggio sarà un mese intenso: infatti per le prossime settimane si annunciano altri incontri di grande interesse. Il primo sarà il 16 sul cyber bullismo, tema di stretta attualità. «Vogliamo sensibilizzare soprattutto i genitori - commenta il dirigente La Rocca - verso un utilizzo corretto della rete, senza demonizzare, ma nella necessità di rendere consapevoli rispetto ai pericoli esistenti».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy