Salta al contenuto principale

L'Alleanza ha scelto: Tonini

è il candidato presidente

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
3 minuti 29 secondi

È Giorgio Tonini il candidato presidente della Provincia della nuova Alleanza democratica, popolare e civica per l'autonomia che unisce Pd, Upt, la nuova lista Futura2018 di Paolo Ghezzi, il Psi e i Civici di Carlo Daldoss, sempre che quest'ultimo confermi la decisione di essere ancora della partita.

Dopo lo stallo dell'altra notte, che si è protratto fino alle 3 del mattino, nel muro contro muro tra i sostenitori (Mdp, Verdi, autoconvocati e parte del Pd) del giornalista Paolo Ghezzi e l'Upt - con il capogruppo Gianpiero Passamani in testa - schierata per Carlo Daldoss, ieri il nome dell'ex senatore del Pd, che era stato messo sul tavolo dai democratici nei giorni scorsi, come terza possibilità se in grado di unire la coalizione, è stato in effetti l'unico capace di sbloccare l'impasse e raccogliere le maggiori convergenze (foto e video di Luisa Patruno e Paolo Pedrotti).

FileTonini candidato presidente L'annuncio

Già in mattinata la candidatura di Carlo Daldoss si era molto indebolita, dopo la sconfessione dell'ex assessore da parte dei principali sindaci civici, Francesco Valduga e Roberto Oss Emer, che con un comunicato ne hanno preso le distanze, ridimensionando dunque il peso di Daldoss come leader di un'area civica potenzialmente consistente con cui dare vita a quella «grande coalizione» inseguita per mesi.

Oltre tutto, ieri mattina, quando gli esponenti dei partiti dell'Alleanza si sono ritrovati per riprendere il confronto, alla presenza dei nomi proposti come candidato presidente, Carlo Daldoss non si è fatto vedere, ancora sconvolto dalla sconfessione ricevuta da parte dei Civici della sua decisione di sedersi al tavolo con i partiti del centrosinistra, oltre tutto nella sede del Pd. E non ha mandato neppure un suo rappresentante, come aveva fatto il giorno prima con la sindaca di Predazzo, Maria Bosin. Questo certo non l'ha favorito, mentre Paolo Ghezzi e Giorgio Tonini erano presenti al confronto, anche se in una lunga telefonata con il segretario del Pd, Giuliano Muzio, Daldoss ha confermato di non rinnegare nulla di quanto detto il giorno prima e dunque di mantenere la sua proposta di unire le forze.

L'Upt ha comunque mantenuto la sua proposta di Daldoss come candidato presidente e dunque si è ripresa la discussione interrotta la sera prima. Anche se il Pd aveva chiesto all'Upt di proporre eventualmente anche un altro nome rispetto a Daldoss gradito ai civici per poter sostenere un candidato presidente centrista. Ma l'Upt ha preferito insistere su Daldoss.

FileAttesa dei due aspiranti candidati del centrosinistra

Dunque, per cercare di uscire dal cul de sac di una spaccatura sulla scelta secca tra Ghezzi e Daldoss, con il Pd nel mezzo chiamato ad essere decisivo, i democratici hanno deciso di accogliere la proposta del portavoce dell'Upt, Vittorio Fravezzi, di raccogliere da tutti i presenti l'indicazione del candidato preferito ma anche di una seconda opzione, secondo il criterio del «second best». Da questo giro di tavolo è emerso un Upt compatto (Passamani, Fravezzi e Caumo) su Daldoss come prima scelta e poi Tonini come seconda opzione; il Pd che ha indicato Ghezzi (per Borgonovo e Manica come prima scelta) e Tonini (primo per Muzio); I socialisti Pietracci e Degasperi per Daldoss e Tonini; mentre i sostenitori di Ghezzi (Boato, Coppola, Lorandi) non hanno espresso la seconda preferenza, tranne Renzo De Stefani che ha indicato Tonini, proprio per evitare che il nome dell'ex senatore Pd emergesse come di gran lunga il più votato, visto che Verdi e Mdp non avrebbero certo indicato Daldoss. Mentre Ghezzi raccoglieva consensi solo tra ghezziani e parte del Pd.

In sostanza, con questo sistema è emerso comunque chiaramente che Daldoss era fuori gioco, in quanto sostenuto solo da Upt e Psi, mentre l'unico nome che ricorreva come gradito sia a Pd che Upt era Tonini. Quindi è stato poi naturale convergere su questo nome, anche se i sostenitori di Ghezzi e quelli di Daldoss l'hanno fatto a malincuore.
Ghezzi, pur dichiarando di accettare qualunque risultato perché con questo spirito si era messo a disposizione, ha polemizzato alla fine su questo meccanismo, che a suo dire era stato scelto proprio perché già Pd e Upt ne avevano calcolato l'esito. Sta di fatto che si è trattato dell'unico modo per riuscire a tenere insieme una coalizione che solo pochi giorni fa sembrava ormai implosa e frantumata.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?