Salta al contenuto principale

Di Maio ha silurato Kessler

Via dall'Agenzia delle entrate

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
0 minuti 53 secondi

«Abbiamo azzerato i vertici dell’Agenzia delle Dogane e dell’Agenzia del Demanio. Dove c’erano rispettivamente un ex sindaco del Pd e un ex parlamentare del Pd, ora ci sono Benedetto Mineo e Riccardo Carpino ». È quanto ha annunciato ieri sera su Facebook il vicepremier Luigi Di Maio al termine del Consiglio dei ministri. Significa che il nuovo governo ha mandato a casa d’un botto il trentino Giovanni Kessler (nella foto) dopo dieci mesi che era stato collocato al vertice dell’Agenzia. Ex magistrato, classe 1956, Kessler si è occupato in particolare di lotta alla corruzione, alla criminalità organizzata e transnazionale, con particolare attenzione all’Europa centro-orientale. È stato pubblico ministero dal 1985 al 2001, deputato dal 2001 al 2006, Alto Commissario per la lotta alla contraffazione dal 2006 al 2008 e presidente del Consiglio della Provincia autonoma di Trento dal 2008 al 2011. Proposto dall’ex ministro dell’economia e delle finanze, Piercarlo Padoan e dal governo Renzi, Kessler era diventato direttore generale dell’Agenzia delle dogane e dei monopoli nell’ottobre 2017, dopo avere guidato - dal febbraio 2011 - l’Olaf, l’Ufficio europeo per la lotta antifrode.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy