Salta al contenuto principale

In consiglio è ancora scontro

sulla doppia preferenza

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 4 secondi

Resta alta la tensione tra maggioranza e opposizione (e non solo) nella discussione del ddl sulla doppia preferenza, all’esame oggi del consiglio provinciale. Alla fine la seduta è stata sospesa senza che si arrivasse a un risultato. Si riprende domani.

Il Comitato Non Ultimi interviene sul disegno di legge sulla preferenza di genere in corso di discussione in Consiglio provinciale a Trento.

IN POLITICA POCHE DONNE

«La nostra sensazione - si legge in una lettera aperta al presidente Ugo Rossi - è che anche questa volta ci troveremo di fronte a un nulla di fatto, all’affossamento della legge. In seconda battuta, c’è la possibilità che in Consiglio provinciale possa alla fine passare un compromesso - l’emendamento proposto dal consigliere Zanon - che, nei termini in cui è stato delineato, risulterebbe ininfluente o addirittura penalizzante per le donne. Va da sé che in entrambe i casi ci sentiamo prese e presi in giro».

«Il Trentino - sottolinea il Comitato - sarà dunque l’unico territorio in Italia dove la percentuale delle donne  nelle istituzioni rimarrà insignificante. Una scelta imbarazzante se confrontata con quanto è avvenuto ad esempio in tutti i  Comuni italiani  dove l’introduzione  della doppia preferenza di genere ha favorito l’accesso (+38%) delle donne nelle assemblee elettive».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy