Salta al contenuto principale

In Siria l'Isis ha eseguito 6mila

condanne a morte in 4 anni

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
0 minuti 56 secondi

Più di 6mila condanne a morte, per impiccagione, decapitazione e defenestrazione - senza risparmiare i bambini - sono state eseguite dallo 'Stato islamico' in Siria in quattro anni e mezzo di dominio di ampi territori del paese in guerra: lo riferisce oggi l'Osservatorio nazionale per i diritti umani in Siria (Ondus).

Dall'annuncio del califfato a guida del 'califfo' Abu Bakr al Baghdadi, nel giugno del 2014, a oggi, l'Ondus ha documentato 6.209 esecuzioni capitali inflitte dall'Isis in Siria a civili, miliziani rivali, soldati governativi. Dei 6.209 uccisi dalla "giustizia jihadista" in 55 mesi, 3.691 sono civili. E di questi 128 sono minori tra cui bambini, e 180 donne. Le regioni coinvolte sono quelle investite dal 2013 a oggi dalla presenza dell'Isis: Dayr az Zor, Raqqa, Hasake, Aleppo, Homs, Hama, Damasco, e la zona rurale di Damasco. 

L'Ondus ha contato 930 vittime tra gli arabi sunniti di cui oltre 200 membri della tribù Shaytat, e 223 curdi; 467 membri di al Qaida, fazione rivale dell'Isis; 691 membri dello stesso Isis accusati di "spionaggio" e "tradimento"; 1.358 militari governativi siriani e miliziani sciiti lealisti, tra cui Hezbollah e Pasdaran iraniani. Tra le vittime uccise si contano anche due soldati turchi.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy