Salta al contenuto principale

Espulsi per un bacio: riammessi

Ma i compagni devastano liceo

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 15 secondi

Un liceo in rivolta con tanto di preside messo sotto accusa, per aver riammesso in classe due studenti colpevoli di essersi baciati durante la ricreazione.

Accade a Meknes, la più piccola delle città imperiali del Marocco.

L’episodio del bacio risale ad ottobre, quando i due fidanzatini, studenti del liceo Mohammed V, approfittando della pausa tra le lezioni, si erano scambiati un bacio, ripresi da telefonini dei compagni di classe.

La lunga coda di polemiche e di conseguenze si è trascinata fino ad oggi: i due ragazzi, subito sospesi, sono stati poi fatti rientrare a scuola per continuare a seguire le lezioni.

Una decisione che non è stata apprezzata dai genitori degli alunni e nemmeno dagli insegnanti.

Persino i compagni di classe dei due hanno avuto da ridire.

Considerata «un’apertura esagerata», una «forma di permissivismo gratuita» e persino «diseducativa», secondo quanto riportano i quotidiani locali, la riammissione, benchè subordinata a lavori di pubblica utilità, ha scatenato atti di vandalismo, scioperi dei docenti e denunce.

Il liceo è devastato, preso di mira dalla furia degli alunni, la dirigente è stata sospesa, con l’accusa di non aver saputo trovare la soluzione che mettesse tutti d’accordo.

E, a furia di scioperi degli insegnanti, aleggia anche lo spettro di un anno scolastico annullato, tutto da rifare.

I due allievi era stati riabilitati dalla direzione provinciale del ministero dell’Educazione, che aveva deciso di annullare la sospensione e il trasferimento in altra scuola dei due liceali, sostituendo la punizione con l’obbligo di lavori socialmente utili.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy