Salta al contenuto principale

Islanda rischia black out

per colpa dei Bitcoin

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
0 minuti 49 secondi

L’Islanda rischia di restare al buio a causa del Bitcoin: l’isola è una delle favorite per i server della criptovaluta e una delle preferite dai miner, ossia coloro che creano i Bitcoin risolvendo complicati calcoli per validare le transazioni tramite potenti supercomputer, i quali richiedono un enorme ammontare di corrente elettrica.

 E il boom di miner ha fatto schizzare la domanda di energia elettrica, che per la prima volta ha superato i consumi privati degli islandesi e continua ad aumentare tanto che le società del settore temono di non riuscire a restare al passo con la crescita della domanda.


L’Islanda è ritenuta un posto ideale per i server e i miner del Bitcoin, il cui successo è descritto da molti come la corsa all’oro del 21° secolo. L’isola è rinomata per le sue sorgenti termali e produce l’80% della sua energia elettrica da stazioni idroelettriche. Il clima freddo è inoltre perfetto per i nuovi centri che ospitano server il cui maggior rischio è quello di surriscaldarsi.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy