Salta al contenuto principale

In Italia 6mila minori

vittime di violenze:

in aumento del 3%

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
2 minuti 35 secondi

I reati contro i minori in Italia hanno una continua crescita che dal 2009 al 2018 ha visto un incremento di ben il 43%. Nel 2018 sono stati 5.990 i minori vittime di violenze, il 3% in più rispetto rispetto all’anno precedente. Ancora una volta nella maggior parte dei casi si tratta di bambine e ragazze, pari al 59,4% dei casi. Un terzo ha subito reati all’interno della famiglia, il contesto che più dovrebbe proteggerli: i maltrattamenti, con 1.965 vittime (il 52,47% femmine) sono aumentati del 14% e l’abuso dei mezzi di correzione con 374 vittime è salito del 7%.

La drammatica fotografia viene dai dati elaborati dal Comando Interforze per il Dossier della campagna “Indifesa” di Terre des Hommes, presentato a Palazzo Montecitorio alla presenza della ministra per le Pari Opportunità e per la Famiglia Elena Bonetti e il ministro per i Giovani e lo Sport Vincenzo Spadafora, alla vigilia della Giornata Mondiale delle Bambine dell’11 ottobre.

La violenza sessuale è il secondo reato per numero di vittime: 656 nel 2018, l’89% bambine e ragazze. A cui si aggiungono le vittime di violenza sessuale aggravata, che ha visto lo scorso anno 383 vittime, l’84% femmine. In entrambi i casi si registra un calo contenuto (rispettivamente -6% e -1%), che solo in parte bilancia l’enormità del numero totale.

Secondo la ministra Bonetti, non basta supportate e incentivare a denunciare le donne vittime di violenza, ma è necessario anche attivare dei percorsi di «educazione all’accoglienza» e soprattutto «attivare delle reti sociali» per non lasciarle da sole, spesso con figli a carico. «C’è molto da fare - ha ammesso la ministra - lo faremo e continueremo a farlo». Spadafora ha posto l’accento sull’importanza del Rapporto «perchè Terre des Hommes fornisce dati, storie e numeri certi e questo aiuta ad orientare l’attività del Governo e delle istituzioni» ed ha annunciato che coinvolgerà i giovani «in campagne culturali proprio per insegnare il rispetto di genere».

Il rapporto fornisce una panoramica delle condizioni delle bambine e delle ragazze non solo in Italia, ma nel mondo: dai 68 milioni di bambine che fino al 2030 saranno sottoposte a mutilazioni genitali, ai 130 milioni di bambine e ragazze escluse dalla scuola o dei 12 milioni di ragazze sotto i 18 anni che si sposano con uomini più grandi e i 2 milioni di ragazze con meno di 15 anni rimango incinte; ed ancora delle minori con disabilità, vittime delle violenze di genere dieci volte di più rispetto alle loro coetanee senza disabilità.

Quest’anno per la prima volta l’indagine ha analizzato anche i reati nelle regioni italiane: nel 2018 è stata la Lombardia ha registrare il maggior numero di reati contro i minori con 1.090 vittime, seguita da Sicilia, Emilia Romagna e Lazio. Proprio nel Lazio vi è stato l’incremento più consistente con il +25%: da 400 vittime del 2017 si è passati a 552 vittime nel 2018. Sempre il Lazio detiene il triste primato per il reato di omicidio volontario: 5 i minori, 4 dei quali erano bambine. Anche per i reati di violenza sessuale la Lombardia ha registrato il record con 126 vittime (90% femmine). Al Governo la presidente di Terre des Hommes, Donatella Vergari, ha chiesto un «maggior impegno nel contrasto e nella prevenzione della violenza e delle discriminazione di genere».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy