Salta al contenuto principale

Scuola, il ministro vorrebbe

ovunque il modello trentino

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 40 secondi

La regionalizzazione di professori e presidi, chiesta da Veneto e Lombardia, «sarà un cammino lungo, ma potrebbe essere un’opportunità, un modello anche virtuoso di gestione più capillare delle scuole. È il modello che già esiste in Trentino. Ci dovrebbe comunque essere una lunga fase transitoria in cui gli insegnanti potrebbero passare alla Regione su base volontaria. I programmi e gli ordinamenti restano invece allo Stato». Lo afferma il ministro dell’Istruzione, Marco Bussetti, in un’intervista al Corriere della Sera in cui precisa: «I livelli delle prestazioni di servizio devono essere garantiti ovunque allo stesso modo. Bisogna guardare avanti quando si fanno delle scelte ma prenderemo decisioni condivise. Del resto la Sanità è già regionale».

Per la scuola «non chiederemo più soldi, non è detto che per migliorare servano più finanziamenti: la scuola deve diventare efficiente con quello che ha. Ma cercherò di trovare risorse durante l’iter parlamentare», dichiara Bussetti. «Nella legge di Bilancio non ci sono tagli: i 110 milioni di risparmi previsti saranno in parte coperti con i fondi dell’alternanza e ottimizzando alcuni servizi», spiega.

«Nella manovra ci sono anche provvedimenti importanti come la riforma del reclutamento degli insegnanti. Dal prossimo concorso non avremo più gli “idonei”: o passi il concorso e sei abilitato per il biennio di durata del bando o devi rifare il concorso.
Sarà la fine dei ricorsi - dice il ministro. - Avvieremo anche tre cicli di formazione specialistica per 40 mila posti di insegnante di sostegno, 14 mila per il 2019 e gli altri in tre anni: cerchiamo di porre fine ai problemi per i ragazzi disabili».

Sulla facoltà di medicina, l’anno prossimo ci saranno «almeno 11 mila posti, spero 12 mila. Ma io voglio soprattutto aumentare le borse per le specializzazioni: con duemila borse in più - costo 50 milioni - potremo permettere a tutti i laureati di specializzarsi”, rileva Bussetti. Nel test d’ingresso “dal 2019 cambieranno le domande: non più quesiti astrusi ma test realmente selettivi che testino le competenze nelle materie di indirizzo e facciano emergere anche le capacità relazionali dei candidati».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy