Salta al contenuto principale

Ragazzo morì in piscina,

accuse a medico 118

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
0 minuti 43 secondi

Avrebbe somministrato al paziente, un ragazzo di 24 anni, disabile, soccorso in una piscina e morto poco dopo in ospedale, una dose eccessiva di farmaci sedativi, poi avrebbe fatto errori nelle manovre rianimatorie: in particolare avrebbe fatto in modo scorretto l’intubazione oro-tracheale, mettendo il sondino naso-gastrico nell’esofago anzichè nella trachea. È l’accusa che la Procura di Bologna muove a una dottoressa del 118 intervenuta quel giorno, il 10 gennaio, nella piscina ‘Virgin’ di Casalecchio di Reno: al medico è stato notificato un avviso di fine indagine per l’omicidio colposo del giovane, morto per arresto cardio-respiratorio da asfissia acuta da annegamento.

A queste conclusioni la pm Antonella Scandellari è arrivata sulla base della consulenza medico-legale affidata a Emanuela Segreto e Riccardo Ragazzi. La famiglia del giovane, assistita dall’avv.Maria Marone, ha nominato i medici legali Giuseppe Fortuni e Gerardo Martinelli. L’indagata è difesa dall’avv.Sabrina Di Giampietro.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy