Salta al contenuto principale

Festa Repubblica, il prefetto

di Ragusa cita migrante morto

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
0 minuti 42 secondi

Il prefetto di Ragusa Filippina Cocuzza ha celebrato il 2 giugno ricordando tra l’altro il sacrificio di un giovane migrante eritreo, sbarcato lo scorso marzo a Pozzallo e morto al suo arrivo per la salute precaria, dopo essere stato detenuto nelle prigioni libiche.

«Segen, purtroppo, non ce l’ha fatta - ha detto il prefetto - ma ci ha lasciato alcune poesie, alta testimonianza dei suoi sentimenti e del suo calvario che deve indurre tutti noi a riflettere soprattutto quando giudichiamo tale fenomeno quasi che riguardasse un’umanità di serie B, mentre, si tratta di uomini e donne, che non senza disperazione e amarezza, scelgono di lasciare i loro paesi, le loro radici, i loro affetti, a rischio della vita nella consapevolezza che rimanendovi lo stesso rischio sarebbe una certezza».

A Pozzallo domani è previsto l’arrivo del neo ministro dell’Interno Matteo Salvini.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy