Salta al contenuto principale

«Per i favori ai petrolieri

non paghi solo Guidi»

Chiudi
Apri
Chiudi
Apri
Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
0 minuti 54 secondi

«Perché deve pagare solo il Ministro dello Sviluppo Economico, Federica Guidi, se l’emendamento incriminato è stato approvato dall’intero Governo all’interno della sua stessa legge di Stabilità? È evidente il tentativo del Bomba (il nomignolo di Matteo Renzi negli anni giovanili perché - stando ai detrattori - le sparava grosse, ndr) di sviare l’attenzione sui rapporti famigliari tra la Guidi e il compagno Gianluca Gemelli».

Parole apparse sul blog di Beppe Grillo, parole del Movimento Cinque Stelle che rivendica la paternità della richiesta di dimissioni di uno dei pezzi da novanta dell’esecutivo guidato dal Pd Renzi. «Non si può nascondere ciò che è sotto gli occhi di tutti: l’emendamento favorisce una multinazionale petrolifera, la Total, ben più che le azienducce di uno scaltro imprenditore con le conoscenze giuste».

Per i Cinque Stelle «il Governo del fossile ha intessuto una fitta rete di rapporti inconfessabili per mezzo di favori parlamentari, pressioni e appalti milionari. Il tutto in spregio all’ambiente e all’interesse nazionale, che suggerirebbe investimenti nelle energie rinnovabili e non l’amicizia criminosa con le lobby del petrolio».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy