Salta al contenuto principale

Dai bambini agli anziani

Erano in 500 ieri in sella

per l'iniziativa Trento in bici

Chiudi
Apri
Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
3 minuti 3 secondi

Palloncini colorati, caschetti, pettorine, allegro scampanìo di campanelli. Nonostante la giornata grigia e fresca, Piedicastello si è svegliata tra l’allegria delle circa cinquecento bici che hanno preso parte alla seconda edizione di Trento in Bici, pedalata collettiva gratuita, di quasi 8 km, su itinerario pianeggiante, guidata in sicurezza dal personale della Polizia Locale.

Un’iniziativa promossa da Comune di Trento, Federazione italiana amici della biciletta, Apt e inserita nel programma delle iniziative della Trento Smart City Week e della Settimana europea della mobilità sostenibile. Ritrovo alle 9 e partenza a gruppi, poi, ogni mezz’ora, fino alle 11. Tantissime famiglie con bambini, pronte a godersi la città in bici con una sicurezza in più, quella data dalla presenza degli agenti di polizia locale in bici e degli incroci più pericolosi presidiati. Alle 9.30 in punto la partenza del primo gruppo dalla nuovissima piazza di Piedicastello, punto di partenza e arrivo della manifestazione: in testa, gli agenti della locale a bordo della loro bici elettrica e scorta in coda di una moto, sempre della polizia locale.

Con il gruppo delle 10, in sella, su bici «da nonno» con seggiolino posteriore, anche il sindaco, Alessandro Andreatta: «Mi fido dei miei agenti – ha detto sorridendo – e li seguirò lungo il tragitto prescelto». Il percorso prevedeva quattro punti-tappa per la timbratura. Da Piedicastello a San Martino (strada pedonalizzata di recente), Via Suffragio, Via San Pietro, Piazza Fiera, Corso 3 Novembre, Parco Langer, Via Lorenzoni, passaggio attraverso le due ali del cimitero, Parco Albere e ritorno a Piedicastello. «È stato mio figlio Andrea, di sette anni, a voler venire», confessa Natalia, residente di Piedicastello, origini moldave. Anche Miriam Turri abita a Piedicastello e partecipa con entusiasmo alla pedalata: «Ho 72 anni, ho venduto la macchina e vado in bici. Devo dire che c’è rispetto per noi ciclisti; forse per i miei capelli grigi? Comunque oggi approfitto della pedalata in compagnia per esplorare gli itinerari che potrei fare anche da sola».

Luigi Sangiorgi, presente con moglie e due figli, tutti in mountain bike, confessa di preferire il rugby ai pedali, e che a Trento qualche collegamento ciclabile in più non guasterebbe: «Frequento Bolzano per lavoro e mi sembra che lì siano un po’ più avanti». Anche Giovanni Agostini, giunto con la moglie Alessandra da Via Briamasco, dove abita, sprona l’amministrazione a non fermarsi: «Vorrei qualche pista in più solo per bici, e non in “condominio” con i pedoni. Anche qualche connessione tra pezzi ciclabili e qualche rastrelliera in più. Noi andiamo in bici anche quando piove». Arrivato da Lavis in bici con carrellino al seguito per la figlia di un anno, Alessio Girotto è ricorso al provvidenziale intervento dello stand della RiciclOfficina: «Ho forato e mi hanno cambiato la camera d’aria. Amo la bici e ogni giorno vado da Lavis a Spini al lavoro: 4 km andata e 4 al ritorno». Irene Manzone è arrivata invece in macchina da Besenello: il marito Marco è salito invece in bici per lasciargliela e farla partecipare a Trento in Bici con la figlia Celeste, 7 anni, che però confessa: «Alla bici preferisco i pattini, e non mi piacciono tanto le salite…».

Angeli custodi della sicurezza della pedalata domenicale, gli agenti della Polizia Locale: «A Trento siamo quattro agenti di quartiere con e-bike – spiega il vicesovrintendente Christian Bornino – e il progetto sperimentale è partito a metà giugno. È dedicato al centro storico, San Martino e San Giuseppe e l’amministrazione comunale valuterà se estenderlo ad altri quartieri. Noi siamo soddisfatti: è un servizio tempestivo, efficace e il cittadino lo apprezza. I trentini in bici? Abbastanza disciplinati: prima di sanzionare, comunque, spieghiamo i corretti comportamenti su strada anche per chi va a pedali. Un po’ di educazione stradale serve sempre».

(Foto Daniele Mosna/Paolo Pedrotti)

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy