Salta al contenuto principale

Case Itea, da oggi le domande

solo con 10 anni di residenza

I sindacati: «Incostituzionale»

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
1 minuto 3 secondi

Da oggi è possibile fare domanda per l’alloggio pubblico in Trentino, con una significativa novità rispetto al passato: viene applicato il nuovo vincolo di residenza introdotto dalla Giunta provinciale a guida leghista.

Potrà quindi fare richiesta di una casa popolare solo chi risiede da dieci anni in Italia, di cui gli ultimi due continuativi, e chi ha tre anni di residenza in Trentino. Un vincolo che Cgil, Cisl e Uil giudicano «discriminatorio e a rischio incostituzionalità» e che - sostengono i sindacati - non risolverebbe, nemmeno in minima parte, il problema del bisogno abitativo sul territorio.

«Il vincolo dei dieci anni è solo una misura propagandistica, che non dà alcuna soluzione al problema della casa, a cominciare dai trentini. Quel che serve è un nuovo piano di edilizia pubblica, servono nuovi alloggi», affermano i tre segretari confederali Andrea Grosselli, Lorenzo Pomini e Walter Alotti.

La conferma arriva dai numeri: rispetto al 2009, nel 2018 risultano complessivamente 25 alloggi in più a disposizione dei potenziali inquilini nello stesso periodo di tempo la popolazione è cresciuta di 25.000 persone. «Non è certo impedendo l’accesso alle graduatorie per i cittadini stranieri che si risolve il problema, anche perchè sono appena l’8,6% dei beneficiari Itea, di questi meno del 6% sono extracomunitari e i cittadini italiani sono il 91,4% del totale», insistono i sindacati.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy