Salta al contenuto principale

Torna il caldo "africano"

la prossima settimana sole e afa

con temperature fino a oltre 38

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
4 minuti 30 secondi

Torna il caldo africano sull’Italia con temperature ben oltre le medie stagionali. È in arrivo all’inizio della prossima settimana una nuova fiammata, che farà salire le temperature fino a 36-38 gradi. Ma già a partire da domenica il termometro raggiungerà i 34-35 su diverse zone del Nord e del Centro.

In questo weekend un debole campo di alta pressione garantirà tempo prevalentemente soleggiato, con temperature in rialzo, a parte una lieve instabilità che interesserà il Nord nelle ore serali. Ma già a partire da domenica sera l’anticiclone africano inizierà ad espandersi verso il Mediterraneo e sopra l’Europa centro-occidentale dando avvio ad una nuova ondata di caldo. La prima parte della prossima settimana sarà quindi caratterizzata da tempo stabile e da temperature decisamente superiori alla media, in particolare sulle regioni centro-settentrionali.

Secondo le ultime elaborazioni a lungo termine, rassicurano gli esperti, questa nuova ondata di caldo non sembrerebbe raggiungere i livelli di quella eccezionale di fine giugno e non dovrebbe durare molto a lungo.

E in Trentino? Il nostro collaboratore, e meterologo appassionato, Giacomo Poletti scrive: «In vista la seconda ondata di calore “africana” sul Trentino da lunedì 22 ad (almeno) venerdì 26. Anche stavolta i massimi colpiranno la Francia, dove giovedì 25 si potrebbero toccare i 40° come mostra l’immagine!
Sul Trentino valori meno estremi rispetto all’ondata record di giugno, con massime a Trento per 5 giorni fra i 35° e i 37° e un possibile break temporalesco nel week-end 27/28 luglio. Intanto domenica di sole “fotocopia” ma con rischio di temporali dal pomeriggio e sui monti».

Il giugno scorso è stato il più caldo mai registrato sul Pianeta negli ultimi 140 anni e cioè dal 1880, anno a partire dal quale sono disponibili le rilevazioni storiche sulle temperature. Il termometro mondiale ha segnato 0,95 gradi centigradi in più rispetto alla media, una cifra che batte - anche se di poco, appena 0,02 gradi - il precedente record del 2016. È l’agenzia Usa per la meteorologia (Noaa), a fornire i dati, che confermano il trend già indicato dal servizio per il cambiamento climatico di Copernicus.

L’Europa, dice la Noaa, ha vissuto il suo giugno più caldo, con una temperatura di 2,93 gradi sopra la media. Il mese scorso è stato da primato in diversi Paesi, come Germania, Austria e Ungheria. In Italia, stando ai dati diffusi in settimana dall’Istituto di scienze dell’atmosfera e del clima del Cnr, si è registrato il secondo giugno più caldo dopo quello del 2003, con una temperatura di 3,30 gradi sopra la media.

Il cambiamento climatico ha molti effetti, fra cui quelli diretti sulla salute umana. Il calore estremo peggiora infatti i sintomi di diverse malattie, da quelle del cuore a quelle del respiro, e aumenta in media del 20% la mortalità per ogni tipo di causa. A mettere in guardia, soprattutto chi risiede nelle città, che in estate diventano vere e proprie «isole di calore», è il Ministero della Salute. Intanto, dopo quello che è stato certificato dall’agenzia Usa per la meteorologia (Noaa) il giugno più afoso degli ultimi 140 anni, è in arrivo una nuova ondata di caldo africano che riporterà le temperature al di sopra delle medie stagionali.

Il nostro Paese, nel contesto internazionale, «registra gli effetti più elevati del caldo sulla mortalità giornaliera», si legge nel nuovo Piano Nazionale di Prevenzione degli effetti del caldo sulla salute, pubblicato dal Ministero. Con conseguenze sulla salute, perchè le elevate temperature aumentano la disidratazione e la dilatazione dei vasi sanguigni, con una serie di conseguenze in tutto il corpo: dall’aumento del rischio di ictus e trombosi a quello di scompenso cardiaco e infarto.

Inoltre, precisa il documento del ministero, il caldo può anche «ridurre le difese immunitarie locali, aumentando il rischio di infezioni respiratorie». Tutto questo si traduce «in incrementi di mortalità, ricoveri, accessi in pronto soccorso».

Il caldo infatti aumenta del 35% la mortalità per malattie respiratorie, del 15% quella per ischemia cardiaca, del 22% per malattie respiratorie croniche, del 20% per ictus e del 25% per malattie del sistema circolatorio.

Ad esser più in pericolo sono anziani, bimbi piccoli, donne in gravidanza e persone con deficit cognitivi e persone che soffrono di malattie croniche.
Oltre ad aggravare patologie già esistenti, l’afa provoca anche disturbi specifici come crampi, edema, eruzioni cutanee, colpi di calore. Tutto questo può verificarsi più facilmente nelle aree urbane, dove l’emergenza caldo si somma allo smog, al calore rilasciato dall’asfalto, ai condizionatori accesi no stop e alla scarsa presenza di alberi. Tanto che la principale novità delle linee di indirizzo del Ministero consiste in una sezione specifica sugli effetti aggravanti dell’inquinamento sull’afa: se nel futuro bisognerà puntare a una progettazione urbana che consideri anche la distanza tra gli edifici, la circolazione dei venti e la scelta dei materiali, nel presente, si potrebbe agire aumentando la presenza di alberi e cespugli anche attorno agli edifici. «La presenza in città delle aree verdi - specifica il documento - diminuisce infatti in maniera importante gli effetti delle isole di calore, mediante l’ombreggiamento, l’evaporazione e la traspirazione». Un’area verde urbana di 1500 mq «raffredda in media 1,5 gradi (fino a 3 nelle ore più calde) e diffonde i suoi effetti a 100 metri di distanza».

Intanto, però, rispetto alla nuova ondata di caldo africano che all’inizio della prossima settimana farà salire le temperature fino a 36-38 C, i consigli degli esperti restano sempre quelli di non uscire nelle ore calde, bere molto, ridurre l’attività fisica, camminare all’ombra e se serve rinfrescare gambe e braccia con acqua fredda.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy