Salta al contenuto principale

Flixbus si rovescia: muore

la trentina: Cristina Pavanelli

Tutti feriti i 75 passeggeri: 9 sono gravissimi

Chiudi
Apri
Chiudi
Apri

DPA-Api

Tempo di lettura: 
3 minuti 20 secondi

Ci sarebbe un colpo di sonno dell’autista, alla base del grave incidente che ha coinvolto una corriera Flixbus, nel pomeriggio di domenica scorsa, alle 17.30, nei pressi di Lipsia in Germania, e che ha provocato la morte di una donna trentina e il ferimento grave di altre nove persone, ma tutti i 75 passeggeri hanno riportato ferite lievi. Tra i più gravi, anche l'autista.

 

La vittima è Cristina Pavanelli, 63 anni, della nota famiglia di assicuratori trentini. Feriti anche due figli. A Berlino avevano assistito alla finale di Champions di pallavolo.

La corsa Flixbus stava viaggiando da Berlino verso Monaco di Baviera, sull’autostrada A9, ed alle 17.30 ha sbandato salendo su una rampa e schiantandosi contro il guardrail per poi ribaltarsi.

Con l’arrivo dei soccorritori, l’autostrada è stata chiusa al traffico, e riaperta solo 12 ore dopo.

Flix-Busunglück auf A9: Polizei vermutet Sekundenschlaf als Ursache

Come detto, l’ipotesi è che il guidatore abbia avuto un colpo di sonno, ipotesi avvalorata dai media tedeschi ed anche dalla polizia stradale germanica.

La corriera si è capottata fra le uscite di Leipzig-West e il crocevia Bad Dürrenberg, e nessun altro mezzo è stato coinvolto nell’incidente.

I soccorsi hanno comportato l’utilizzo di ben otto elicotteri, oltre 50 autoambulanze e una trentina di mezzi dei vigili del fuoco, mentre a fianco della carreggiata è stato montato nella notte un ospedale da campo di emergenza per smistare i casi più gravi.

Secondo un giovane a bordo, «è successo tutto all’improvviso, non ci siamo accorti di nulla fino allo schianto». Alcuni passeggeri - ha raccontato il sopravvissuto - hanno sfondato i vetri dei finestrini con i martelletti di emergenza per uscire.

La compagnia di bus Flixbus ha istituito un numero di emergenza per le chiamate dei parenti delle vittime, che risponde al 0800 30013730. In serata ieri ha diramato un comunicato in cui dice: «Ai parenti ed ai passeggeri coinvolti va tutta la nostra vicinanza e comprensione».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy