Salta al contenuto principale

È reato fingere di perdere
la carta di identità

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
0 minuti 43 secondi

È reato fingere di aver perso la carta d’identità. Lo ha imparato a sue spese un trentino 45enne che, con una buona dose di leggerezza, dopo aver consegnato ad un creditore, a garanzia di un pagamento, il proprio documento di identità, ne ha ottenuto uno nuovo dal Comune dichiarando di aver smarrito la carta d’identità. Così facendo è finito in un brutto guai.

L’uomo infatti è stato condannato in tre gradi di giudizio. Sul caso è  intervenuta persino la Cassazione ribadendo che fingere di aver smarrito la carta d’identità - ma questo vale anche per altri documenti come la patente o il certificato di proprietà di un’auto -  integra il reato di falso. Invano la difesa aveva sostenuto che l’imputato aveva dimenticato di aver consegnato a terzi il  documento. Il ricorso è stato respinto con condanna al pagamento delle spese.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy