Salta al contenuto principale

In Trentino ritirata più di una patente al giorno. Meno morti sulle strade ma cinture e cellulari restano un problema

Il «bilancio» della Polizia stradale in Trentino

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
3 minuti 24 secondi

Più di una patente ritirata al giorno, con una media di poco inferiore di incidenti rilevati, un aumento dei feriti ed un calo del numero delle vittime. E un dato molto importante per la sicurezza sulle strade: su 213 automobilisti sottoposti ad alcoltest, solo 12 sono risultati positivi, oltre il limite di 0,5 grammi per litro fissato dalla legge. Numeri che purtroppo crescono nei fine settimana, quando la percentuale di automobilisti oltre il limite sale a sfiorare il 14%.
È un quadro tutto sommato incoraggiante quello fornito dai numeri della polizia stradale che ha fatto il punto sull’attività dei propri uomini in Trentino nel corso del 2018.

Dodici mesi durante i quali sono stati 6.154 i servizi di pattuglia effettuati, accertando in totale 10.661 infrazioni alle norme del codice della strada.

VIA PIÙ DI UNA PATENTE AL GIORNO

Le patenti di guida ritirate sono state complessivamente 463, 1,2 al giorno. Le carte di circolazione ritirate sono state invece 141. I punti patente decurtati agli automobilisti indisciplinati sono stati 17.285.
Guardando al confronto con il 2017 la polizia stradale ha registrato un lieve incremento del numero complessivo degli incidenti stradali rilevati: 360 quelli dell’anno scorso, un dato che fa segnare un +1,6% rispetto al 2017. I feriti sono stati 281, pari ad un +16% rispetto a quelli rimasti coinvolti in incidente rilevati dalla polstrada due anni fa. Cala invece e cala drasticamente il numero di incidenti mortali (-30%) e così anche il numero di persone decedute (-38%).

VELOX: PIZZICATI IN 709

Il controllo del rispetto dei limiti di velocità ha portato gli agenti della polizia stradale a rilevare sulle strade trentine 709 irregolarità, mentre la lotta alla guida sotto l’effetto di alcol e sostanze stupefacenti ha dato frutti importanti: 213 le persone sottoposte ad alcoltest, con appena lo 0,56% (12 casi) degli automobilisti fermati risultato oltre i limiti previsti dalla legge. Sono state invece 5 le persone sorprese alla guida sotto l’effetto di stupefacenti: per loro si è proceduto (oltre al ritiro cautelare della patente, previsto dal codice della strada) al prelievo di campioni salivari, inviati a Roma presso il Centro di tossicologia forense della polizia per le analisi di laboratorio che in due casi hanno dato esito positivo.
La campagna di controllo sulle condizioni psicofisiche dei conducenti di veicoli, con l’impiego congiunto di operatori della polizia stradale e di medici e personale sanitario della questura di Trento si è tradotta nel corso dell’anno in 8 servizi specifici, con l’impiego complessivo di una cinquantina di operatori della polizia stradale e una ventina tra medici e personale sanitario della questura.

PIÙ «BRILLI» NEI WEEK END

Particolare l’attenzione della polizia stradale nei fine settimana: nel 2018 sono state impiegate nei posti di controllo 130 pattuglie. I conducenti controllati con etilometri e precursori sono stati 877, il 13,79 % (121 persone) è risultato positivo al test di verifica del tasso alcolemico (nel 2017 la percentuale era dell’13,45%). Le persone denunciate per guida sotto effetto di sostanze stupefacenti sono state, invece, 2. Quindici sono stati, poi, i veicoli sequestrati per la confisca.

CINTURE E CELLULARE ANCORA UN PROBLEMA

I dati della polstrada segnalano come utilizzo delle cinture di sicurezza e non utilizzo del telefono alla guida rappresentino ancora nervi scoperti per gli automobilisti. Riguardo alle cinture sono stati 277 i veicoli controllati , con 64 violazioni accertate. Per quel che riguarda l’uso del cellulare al volante, invece, sono stati 735 i veicoli controllati e 77 le violazioni accertate. Una ventina le vetture o i veicoli trovati non in regola per quel che riguarda lo stato di usura degli pneumatici, sul centinaio complessivamente controllato.

AUTOTRASPORTO

I servizi di controllo nel settore del trasporto professionale  hanno portato a 185 servizi di pattuglia, che hanno impiegato 370 operatori della polizia stradale oltre a personale della Motorizzazione civile. Sono stati sottoposti a controlli 950 veicoli, di cui 198 stranieri (pari al 20,84 %). Le infrazioni accertate sono state 436 e le carte di circolazione ritirate 6.

CONTROLLI AI BUS SCOLASTICI

Nel 2018 sono stati sottoposti a controllo 151 autobus, dei quali 8 hanno evidenziato almeno una irregolarità, per un totale di 10 infrazioni, con il ritiro di una patente. Dal 2016, sono stati 371 gli autobus controllati di cui 312 su richiesta delle scuole: 25 le irregolarità.

CONTROLLI IN OFFICINE

Le attività di verifica effettuate presso 14 carrozzerie, 50 autofficine, un autodemolitore e 11 rivendite di autoveicoli usati, hanno portato all’accertamento di 5 violazioni amministrative.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy