Salta al contenuto principale

Deruba un'anziana signora

Bloccato da 2 commercianti

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
2 minuti 6 secondi

È una bella storia di senso civico, prima ancora che di sangue freddo, quella che è emersa ieri a Trento a seguito di un grave episodio che ha coinvolto suo malgrado una anziana, rimasta vittima di un furto.

Il responsabile è stato consegnato alle forze dell’ordine dopo che un uomo, un commerciante ambulante, ha assistito la signora permettendole di riconoscere il colpevole e dopo che un esercente, titolare dell’edicola nella quale si trovava il malvivente, è riuscito a trattenerlo in attesa dell’arrivo di carabinieri e agenti di polizia.
Tutto è accaduto nella tarda mattinata di ieri quando una donna si trovava in via Santa Croce: si era fermata in alcuni negozi per compiere delle commissioni prima di rincasare per il pranzo e si era fermata anche ad effettuare alcuni acquisti da un ambulante che abitualmente propone frutta e verdura lungo la via.

Mentre era ferma sul marciapiede a valutare l’acquisto di alcuni prodotti, è stata avvicinata da un uomo che con abilità è riuscito ad allungare una mano all’interno della borsa della signora, impadronendosi del portafoglio della donna all’interno della quale si trovava del denaro che la signora aveva prelevato poco prima.
L’anziana inizialmente non si era accorta di nulla ma dopo aver cercato invano il portafoglio per pagare la verdura ha capito di essere stata vittima di un furto.

A quel punto con l’aiuto dello stesso rivenditore ambulante, la signora ha cercato di capire dove il ladro potesse essere andato: poco lontano, dato che tutto doveva essere accaduto negli istanti immediatamente precedenti.

La signora ed il commerciante hanno così iniziato a percorrere via Santa Croce cercando di capire se tra i vari negozi ed esercizi poteva esserci l’uomo che cercavano.

È stato entrando all’interno dell’edicola e rivendita tabacchi poco lontano che hanno visto una persona che la stessa anziana era certa di aver incrociato poco prima.

A quel punto il tabaccaio ha fatto in modo che l’uomo non potesse lasciare la rivendita, mentre il commerciante e la donna hanno cercato di convincere il malvivente, un cittadino ucraino, a restituire quanto rubato poco prima, informandolo del fatto che erano già state allertate le forze dell’ordine.

Di fronte ai ripetuti dinieghi dell’uomo, ai tre non è rimasto altro da fare che attendere l’arrivo dei carabinieri, seguiti pochi istanti dopo anche da una pattuglia delle volanti della questura. I militari dell’Arma del radiomobile hanno trovato l’ucraino in possesso dei documenti della signora: è stato condotto al comando di via Barbacovi e quest’oggi sarà giudicato per direttissima..

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy