Salta al contenuto principale

Forze dell'ordine vendevano

informazioni a investigatori: 

a Trento 9 arresti e 7 denunce

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
! minuto 26 secondi

Sfruttando illecitamente le loro credenziali per l'accesso al portale interforze del sistema di indagine, rivelavano notizie sensibili a investigatori privati di due agenzie, che le utilizzavano per finalità unicamente riservate alla propria professione. L'inchiesta, denominata 'Basil' e coordinata dal pubblico ministero Maria Colpani di Trento, ha permesso di individuare e interrompere una serie di accessi abusivi ai sistemi informatici in dotazione esclusiva a polizia, carabinieri e guardia di finanza, come ad esempio il Sid, compiuti da 7 appartenenti alle forze dell'ordine orbitanti nelle province di Roma, Foggia e Bolzano.   

L'indagine, condotta dai carabinieri del nucleo investigativo di Trento, ha portato a 9 arresti e 7 denunce di persone legate a una rete di investigatori privati, uno ex appartenente alle forze dell'ordine, e agenti in servizio, che collaboravano tra loro in modo illecito, secondo le accuse, scambiando informazioni riservate e coperte dalla privacy in cambio di denaro.


AGGIORNAMENTO

È stato rintracciato nella serata di ieri il nono e ultimo indagato nell'operazione Basil, con cui la Procura di Trento ha individuato una rete di appartenenti alle forze dell'ordine nelle province di Bolzano, Foggia e Roma, che utilizzavano i database di lavoro per vendere informazioni ad agenzie investigative private. I carabinieri del nucleo investigativo di Trento, che hanno condotto le indagini, l'hanno sottoposto ai domiciliari, dopo che si è presentato al comando dei militari di Cavalese.
Si tratta di un ex poliziotto, 54 anni, accusato di avere concorso al reato di accesso abusivo a un sistema informatico e dell'illecita detenzione di numerose registrazioni audio non autorizzate, per una investigazione che avrebbe condotto con intercettazioni ambientali illegali.
    L'operazione, resa nota ieri, vede nel complesso nove arrestati e sette denunciati tra appartenenti alle forze dell'ordine e referenti di un'agenzia investigativa privata del Veronese.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?