Salta al contenuto principale

Zia della badante a processo

per un «regalo» di 20mila euro

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
0 minuti 51 secondi

Avrebbero approfittato dello stato di infermità mentale di un’anziana donna di Trento due cittadine ucraine a processo per circonvenzione di incapace, ma giudicate separatamente.
Il fatto contestato risale al gennaio del 2016. A far scattare gli accertamenti è stato il tentativo di incassare un assegno da 20 mila euro tratto sul conto corrente dell’anziana donna e da lei firmato senza rendersi conto che stava «regalando» una cifra importante. Per fortuna della donna la transazione non andava a buon fine perché sul conto corrente non c’erano abbastanza soldi. Nei guai sono finite la badante ucraina (giudicata separatamente) e la zia di quest’ultima (il processo a suo carico venerdì è stato rinviato). L’imputata è accusata di aver tentato di procurarsi un illecito profitto «abusando dello stato di infermità o di deficienza psichica della persona offesa inducendola a compiere un atto avente effetto giuridico per lei dannoso». La donna sarebbe stata indotta a firmare l’assegno cosegnando il titolo di credito all’imputata. In caso di condanna l’imputata rischia da 2 a 6 anni di reclusione.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy