Salta al contenuto principale

Tragedia a Trento: dopo Christian

morta anche Maia, mamma 

soffocata da un boccone

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
0 minuti 42 secondi

La notizia che non avremmo mai voluto dare è arrivata: anche Maia, la mamma di 28 anni residente a Roncafort e rimasta soffocata da un boccone di cibo sabato scorso, è morta. Troppo gravi i danni celebrali e la donna è spirata un giorno dopo il suo bambino, Christian, che i medici avevano deciso di far nascere prematuramente in seguito all'incidente domestico. 

Si conclude così nella maniera più tragica una vicenda da brividi: l'allarme era scattato sabato scorso, quando la giovane donna incinta era rimasta per lunghissimi istanti senza respirare e così pure senza dare modo al piccolo che portava in grembo di ricevere la necessaria quantità di ossigeno. Poi la corsa in ospedale e la decisione di far nascere il bimbo di 28 settimane. Ieri, dopo tre giorni di lotta, il piccolo Christian si è arreso. Oggi la sua mamma l'ha raggiunto. 

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy