Salta al contenuto principale

C'è il Giro d'Italia, occhio alla viabilità

Ecco tutti i divieti a Trento e Rovereto

Chiudi
Apri
Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
8 minuti 20 secondi

 

TUTTI I DIVIETI

È il rovescio della medaglia dell’allegria, della vitalità (e, non scordiamolo, degli introiti) che porta con sé ogni evento. I disagi alla circolazione, la riduzione dei parcheggi, la modifica dei tracciati delle corse dei bus sono lo scotto da pagare, soprattutto in occasione di manifestazioni che vanno in scena sulla strada, come il Giro d’Italia.

Quella di oggi sarà senza dubbio una giornata non facile, da questo punto di vista, per il capoluogo tutto e, in particolare, la zona a sud, tra Mattarello e Romagnano, verso Aldeno e lungo tutta la Destra Adige. Anche perché si tratta di una cronometro individuale, con partenze singole, senza soluzione di continuità, tra le 13.20 e le 16.30.

Il tracciato: off limits dalle 9.
Da evitare, in particolare, tutta la rete viaria che da via Pozzo porta in via Prepositura - dove i ciclisti sbucheranno da via Roma e piazza della Portela - con la direttrice lungo via Rosmini, via Giusti, via San Pio X che sarà off limits dalle 9.
Il tracciato fin dalle 10 sarà infatti teatro delle prove da parte dei «girini», il primo dei quali (Giuseppe Fonzi, 26enne della Wilier-Selle Italia, ultimo in classifica generale) scatterà dalla pedana di piazza Duomo alle 13.20. Dopo l’ampia curva che chiude via San Pio X e porta al ponte sul Fersina il tracciato prosegue su via Degasperi fino alla rotatoria per Madonna Bianca e poi giù verso via di San Vincenzo fino a Mattarello, via della Gotarda, la strada dei Pomari e lo sbocco sulla sp 90, strada da cancellare dai navigatori da Romagnano in giù, per quest’oggi (vedi pezzo in basso).

I disagi «collaterali».
Non ci saranno solo le strade chiuse, quest’oggi. Il problema più grosso potrebbe arrivare dalla gestione delle strade vicine a quelle inagibili. Rallentamenti potrebbero verificarsi per tutto il giorno ad esempio in via Pozzo, ma anche lungo tutta la rete viaria che dovrà sopportare una mole di traffico solitamente condivisa con le strade chiuse. Una situazione pesante soprattutto per la zona sud della città orfana di numerosi sbocchi per chi arriverà dalla rotatoria del Marinaio, da via al Desert (direzione obbligata lungo via Jedin, obbligo di svolta a sinistra su via Monte Baldo da via Ghiaie), via Sanseverino (divieto di svolta su via Verdi e dobbligo a puntare su corso Buonarroti per avvicinarsi al centro) e così via. Insomma, se vi dovete muovere, fatelo per tempo mettendo in conto possibili ritardi anche consistenti sui normali tempi di percorrenza cittadini.

I parcheggi: no ai piazzali.
Già dall’alba di ieri sono chiusi i piazzali Sanseverino e dell’area ex Sit «precettati» dall’organizzazione per i parcheggi dei mezzi della carovana e per l’allestimento del villaggio degli sponsor.

Viabilità provvisoria.
Per evitare poi di isolare letteralmente numerose zone della città in svariati punti del capoluogo oggi saranno poi istituite variazioni alla ordinaria viabilità.
Per evitare ad esempio che da via Vittorio Veneto o via Perini risulti troppo complicato riuscire a spostarsi data l’impraticabilità di via Giusti e via San Pio X sarà istituito un «corridoio» utilizzando le vie Damiano Chiesa , Endrici e vicolo al Nuoto con un senso unico in direzione da sud a nord.

Per le stesse finalità sarà istituito un doppio senso di marcia in via Matteotti per permettere ai residenti della parte bassa di risalire la via. Anche in via Benevoli e via Muredei saranno istituite variazioni ad hoc stante l’inagibilità di largo Prati, percorso dai corridori.

Trasporti pubblici.
Anche i trasporti pubblici saranno interessati dalla modifica della viabilità, con una deviazione di più della metà delle linee urbane (sono coinvolte le linee A, B, 2, 3, 4, 5, 8, 9, 10, 12, 13, 14, navetta parcheggi). Per evitare l’isolamento dell’abitato di Mattarello, la linea 8 avrà un capolinea provvisorio in località «Rio Stolzano», mentre sono soppresse molte fermate nell’abitato.

 QUI ROVERETO

Giro d’Italia . Ci siamo. Per la felicità degli appassionati di ciclismo e le proteste di chi alle due ruote più di tanto non tiene e, anzi, vive con fastidio l’invasione del circo rosa. Perché in Vallagarina di invasione si tratta. Sia a Rovereto che in Destra Adige, dove alcuni paesi, come Pomarolo, Chiusole e Cornalé di Isera saranno di fatto isolati dal mattino fino alle sei del pomeriggio. Il tutto corredato da scuole e asili chiusi, trasporti pubblici stravolti e, peculiare costante trentina, l’opposizione del fronte anarchico, che per ora si è limitato a qualche insulto contro Israele ( vedi altro articolo in pagina ) lungo le installazioni «pro-giro» sulla provinciale 90.
Il percorso . E proprio dalla Provinciale 90 che domani dalle 13 in poi i corridori entreranno in Vallagarina. La tappa cronometro partirà infatti dal capoluogo: quindi destra Adige fino a Nomi, poi transito davanti Pomarolo e Villa. Quindi svolta a destra direzione Piazzo, su per la strada per Castellano fino ai Molini, poi svolta a sinistra e giù per la collina passando da Nogaredo, dove si riprende la Sp90 che attraverserà Brancolino (Nogaredo) e Marano (Isera), passerà sotto Isera fino alla rotonda del sovrappasso sull’A22. Qui si gira a sinistra per Cornalé di Isera, poi dritti fino al ponte di via All’Adige. Poi su dritti per tutta Sacco, per metà lungo via Pasubio e metà viale Vittoria, fino al cavalcavia sulla statale 12 e la ferrovia, dal quale si accederà, dopo una curva a gomito, a via Campagnole, largo Marinai d’Italia (davanti alla caserma dei Carabinieri) via Cesari e Corso Rosmini. Il Corso giù tutto pestando sui pedali fino allo stremo fino a Piazza Rosmini, dove alla fontana tonda c’è l’ultima curva. Poi si imbocca corso Bettini. Arrivo davanti al Mart.
Le modifiche alla viabilità . Per quanto riguarda la circolazione, la statale 12 non sarà toccata e si potrà raggiungere l’ospedale. Traffico normale dallo stadio Quercia a S.Giorgio e al posteggio ex Asm. Dalla Busa dei Cavai si potrà percorrere via Pasqui, via Parteli, via Azzolini e via Montecorno. Via libera sulla bretella Ai Fiori, Navesel e via Zigherane che, però, sarà l’unica strada per Sacco. Per l’altipiano di Folgaria si potrà salire per via Vicenza e via Jacob. Perché la strada per Serrada, corso Rosmini, sarà chiusa. Qui niente macchine, né di passaggio né parcheggiate. E attenzione ai divieti che termineranno alle 22 di martedì. Nel dettaglio, la sosta sarà preclusa davanti allo stadio e al Follone (lato Sud), piazzali che dovranno ospitare i mezzi dell’organizzazione. Parcheggio interdetto, anche in via Baratieri (sia in strada che il posteggio) e in via San Francesco. In corso Bettini e in viale Trento (fino alla rotatoria) niente sosta fino alle 3 di mercoledì e di transito dalle 3 alle 23 di oggi. Macchine spostate anche in via Tacchi e in via Savioli (fino alle 22 di oggi) e in piazzale Leoni (Nord-Est). Solo per oggi (ore 6-22) niente transito e sosta in via Piomarta (tra corso Bettini e via Baratieri) e, dalle 7 alle 22 per il parcheggio e dalle 9 per la viabilità. Traffico bandito nelle vie all’Adige, Pasubio (fino a via Unione), Unione (fino a viale Vittoria), Vittoria, Cavour (tra la rotatoria di via Craffonara e viale Vittoria), Campagnole (tra via Cavour e via Saibanti), largo Dalla Chiesa, Cesari, Vannetti, corso Rosmini, Paoli (tra via don Rossaro e via Paganini), San Giovanni Bosco (tra via San Francesco e viale Trento), Teatro, Orefici, viale dei Colli (tra piazza Rosmini e il parcheggio interrato).
Trasporto pubblico . Dalle 9 alle 17.30 sospese le fermate di Trentino Trasporti lungo il percorso della cronometro. In particolare saranno cancellate le fermate di via Paoli, corso Bettini, corso Rosmini e via dei Colli. La fermata di Noriglio sarà sostituita con la fermata davanti alla Cassa rurale, a Villa Lagarina (via Alpini, caserma dei carabinieri, via Magrè), Piazzo, Pomarolo (via Degasperi, Chiesa, via del Ponte), Chiusole, Nomi (Casa di Riposo, TreCurT sulla Sp90). Le linee 3, 4 e 8 saranno sospese dalle 8.45. La linea 1 (corse per Pomarolo) da S.Ilario proseguirà fino Villa Lagarina-via Magrè dove farà capolinea e inversione di marcia e ripartirà in direzione Rovereto a normale orario di tabella. La linea 5 terminerà a S. Ilario in via Monti. La linea 6 terminerà a Volano. È sospeso anche il servizio da e per Savignano. In via Lagarina transita solo la linea 1. È sospeso il servizio nel tratto tra Volano (via Roma)-Calliano-Nomi-Pomarolo-Piazzo. A Villa Lagarina rimarrà attiva solo la Linea 1 sulle fermate di via Magrè-via Segantini e via degli Alpini. Il servizio a Borgo Sacco-Isera-Nogaredo-Villa-Sasso-Noarna-Pedersano-Castellano sarà sospeso. Anche le corse scolastiche subiranno delle modifiche; quella del liceo partirà da via Baratieri.
Gli eventi collaterali . Dalle 10 ai Giardini Perlasca, di fronte al Mart, «Proteggiamo la salute di tutti», attività e biciclettata con i bambini delle scuole cittadine. Alle 12.45 lungo il percorso della tappa, con partenza da Corso Rosmini e arrivo in Corso Bettini, 200 bambini e ragazzi provenienti da tutto il Trentino saranno impegnati nella «Sfilata con i giovani ciclisti trentini» in collaborazione con federazione ciclistica e società sportive. Alle 18.30 all’Auditorium Melotti, a fine corsa, proiezione di «Moser. Scacco al Tempo» film-documentario e incontro con Francesco Moser. Ma gli eventi coinvolgono anche il territorio: dalle 13 alle 19 Pomarolo saluta il giro con punti ristoro e musica al Parco di Chiusole, con «Chiusole in festa per il Giro d’Italia».

 

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?