Salta al contenuto principale

Furti in casa, rapine e spaccate

Condannata banda dei ventenni

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
1 minuto 58 secondi

In giugno carabinieri di Cavalese e squadra mobile avevano fermato la banda dei ventenni, un sodalizio composto da dieci ragazzi, tutti di età compresa tra i 18 e 21 anni, dedito a furti, rapine e spaccate.

Giovanissimi, ma già dediti al crimine e pronti a ricorrere alla violenza.
A pochi mesi dall’operazione l’indagine è approdata in tribunale, dove alcuni membri hanno già definito la loro posizione. Ieri, in tre, dopo avere ammesso i fatti contestati dagli inquirenti, hanno patteggiato una pena di 1 anno e 10 mesi davanti al giudice Francesco Forlenza. Si tratta di Pablo Berto, 21 anni, ritenuto dagli inquirenti il capo della banda; di Toader Titi Dodu, 19 anni e Youssef Rehhaline, 21 anni. Hanno invece scelto la strada del processo in rito abbreviato
David Longo, 19 anni e Imad Messaoudi, 22 anni; mentre Rehhaline Youssef, 21 anni e altri quattro imputati denunciati a piede libero compariranno presto davanti al giudice dell’udienza preliminare. Il 23enne Arton Asani sarebbe invece pronto a patteggiare.

Dall’8 settembre al 13 dicembre 2016, secondo l’accusa, la banda aveva messo a segno poco meno di una trentina di colpi: sei rapine, sedici tra furti in abitazione e spaccate ai danni di attività commerciali e cinque tentativi di furti non andati a segno.

Nelle ottanta pagine dell’ordinanza di custodia cautelare firmata dal gip Marco La Ganga e chiesta dal pm Davide Ognibene per sei giovani (quattro in carcere e due ai domiciliari) c’era la fotografia delle razzie messe a segno e i metodi violenti usati nelle rapine - vittime prese per il collo fino a fare perdere loro i sensi - tanto da indurre gli inquirenti a chiamare l’operazione «Arancia meccanica».
 A guidare il gruppo, secondo gli inquirenti, era Pablo Berto, un giovane che attorno a sé aveva radunato un manipolo di coetanei pronti a mettere a segno furti e rapine.

Le indagini erano scattate nel settembre dell’anno scorso, a seguito di un furto in un’abitazione messo a segno a Cembra: da un garage sparirono numerosi attrezzi oltre che un quad. A seguito di quell’episodio i carabinieri della compagnia di Cavalese avevano iniziato ad indagare, arrivando ad individuare come possibili colpevoli alcuni dei componenti di quella che - mesi dopo - si scoprirà essere un vero e proprio gruppo dedito al crimine. Fondamentali erano state le immagini di una telecamera che avevano immortalato quattro persone allontanarsi dal luogo teatro del furto.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy