Salta al contenuto principale

Neve abbondante e viabilità in tilt

Tir senza catene bloccati in val di Non

Molti automobilisti impreparati

Neve soprattutto nella parte occidentale della provincia

Chiudi
Apri
Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
10 minuti 28 secondi

Fino a ottanta centimetri di neve fresca: la perturbazione che per oltre 24 ore ha interessato gran parte della nostra provincia regalerà ai trentini ed ai tantissimi turisti un week-end suggestivo, in un panorama tipicamente invernale e con le piste perfettamente innevate grazie al mezzo metro di fiocchi bianchi caduti in poche ore. Ma ieri è stato un calvario per le persone costrette a spostarsi nelle valli per lavoro o per raggiungere le località turistiche: nonostante l’intervento di spalaneve e spargisale per tenere le strade pulite, il traffico è rimasto paralizzato per ore a causa dei mezzi finiti di traverso lungo la carreggiata perché privi di attrezzatura invernale. Tanti anche gli incidenti causati dal maltempo. I «nodi» maggiori alla viabilità sono stati fra Pinzolo e Campiglio, alla Rocchetta, verso il Tonale e lungo la statale 48 da Egna verso Cavalese. 

QUOTA NEVE A 300 METRI 

A metà pomeriggio, ieri, si contavano dai venti ai quaranta centimetri di neve fresca. Altri venti centimetri sono scesi in serata. «La quota neve nella valli alpine laterali, esclusi la valle dell’Adige, il basso Sarca e la Valsugana, è stata a 500-600 metri - spiega Gianluca Tognoni di Meteotrentino - In molti casi la neve è arrivata anche nel fondovalle, ad esempio in val di Fiemme, in val di Non ed alla Rocchetta. Nelle altre zone il limite è rimasto attorno agli 800 metri, come sul Bondone». Il limite è sceso addirittura a 300 verso sera. Neve nel pomeriggio anche a Pergine; nevischio misto a pioggia a Trento, ma veri e proprio fiocchi nei sobborghi alti. 

OGGI VARIABILE, DOMANI IL SOLE 

In alcune zone del Trentino la perturbazione avrà una «coda» nella prima mattina di oggi, ma nel resto della giornata è prevista nuvolosità variabile con qualche schiarita e un rinforzo di venti da nord. «È attesa aria fredda, con abbassamento delle temperature soprattutto nella giornata di venerdì, quando si avrà sole con aria fredda - spiega Tognoni - Soprattutto al mattino sarà una giornata bella ma fresca. Sabato sarà una giornata abbastanza nuvolosa, con qualche debole nevicata. Domenica, invece, bel tempo con temperature in ripresa». 

TEMPERATURE IN CALO 

Il freddo polare, dunque, torna domani: dopo due giorni di minime sopra lo zero, la colonnina di mercurio calerà nuovamente dalla prossima notte (- 6 gradi in città). E con il freddo arriva il pericolo ghiaccio. Dopo l’abbondante nevicata è necessaria la massima prudenza negli spostamenti in auto. Per prevenire ulteriori ingorghi alla circolazione per i mezzi finiti fuori strada o di traverso lungo la carreggiata, ieri sono stati predisposti punti di controllo dislocati nelle valli. Fermate le auto che circolavano con gomme estive. 

I POSTI DI CONTROLLO 

Gli automobilisti che viaggiano senza pneumatici antineve e senza catene sono a rischio multe: polizia stradale, polizia locale e carabinieri al lavoro per verificare la situazione lungo le strade, assieme ai vigili del fuoco ed agli uomini della forestale. A questi ultimi il compito di presidiare i punti di controllo. Uno è stato predisposto a Carisolo, verso Madonna di Campiglio: tutto bloccato ieri pomeriggio lungo i dieci chilometri che separano le due località. Sono state fermate tutte le auto prive di antineve e di catene. Alla guida di questi mezzi, nella maggior parte dei casi, si trovavano turisti arrivati in Trentino per festeggiare l’ultimo dell’anno. Neve e traffico in tilt anche lungo la statale 43 della valle di Non e nel tratto della statale 42 da Mostizzolo al Tonale, con divieto di transito per camion e tir da Ossana a Vermiglio. Posti di controllo sono stati attivati anche a Presson (Dimaro-Folgarida), a Maso Milano (Campodenno), a Mezzolombardo nord e in Primiero a Siror.


 

AGGIORNAMENTO -La nevicata, in corso dal tardo pomeriggio di ieri, ha interessato maggiormente la parte occidentale e settentrionale del territorio provinciale dove la quota neve si è abbassata fino a circa 300 metri, mentre ad est si è registrata pioggia mediamente fino a 600-800 metri.

Nel fondovalle, a quote superiori agli 800 metri sono caduti tra i 5 ed i 10 cm, mentre più in quota, sui passi dolomitici, nelle zone di Passo Tonale e Madonna di Campiglio la coltre nevosa ha raggiunto spessori attorno gli 80 cm.

Attualmente le strade principali sono transitabili, senza particolari difficoltà nel fondovalle, dove peraltro si raccomanda di viaggiare con prudenza per fenomeni localizzati di pioggia gelata, soprattutto durante le ore notturne.

È vivamente consigliato a tutti gli utenti della strada di montare attrezzatura invernale a quote superiori ai 700 - 800 metri. Al riguardo si segnala che l’assenza di tale attrezzatura rappresenta la principale causa dei blocchi stradali in essere, i quali compromettono pesantemente l’efficienza del servizio di sgombero neve non consentendo il passaggio dei mezzi operativi.

Strade sett 1 – ALTA VALSUGANA

Particolare attenzione lungo la S.S. 47 della Valsugana possibile presenza di fenomeni localizzati di pioggia gelata. Altopiano di Pinè, Panarotta e alta Val dei Mocheni circa 10 -15 cm di neve. Altopiano di Lavarone e Luserna 25 cm di neve.

Strade sett 4 – TRENTO - MONTE BONDONE - PAGANELLA

S.P. 85 del Monte Bondone in Loc. Vason – Viote caduti circa 40 cm di neve. Nell’altopiano della Paganella circa 30 cm di neve.

Strade sett 8 - VALLAGARINA E ALTOPIANO DI FOLGARIA

Si registrano circa 25 - 30 cm di neve nelle seguenti località:
Zona Folgaria – Passo Coe – Passo Sommo;
Zona Brentonico – San Valentino - Monte Baldo;
Alta Vallarsa - Pian delle Fugazze.
Attivato presidio neve di Calliano.

Strade sett 5 – VAL DI NON E SOLE

Nelle valli di Non e Sole nevica a quote superiori a 300 metri. Sono attivi i posti di controllo di Maso Milano e Presson. Si registra traffico molto intenso e rallentato da sud (da Mezzolombardo) sul tratto della SS 43 in bassa valle di Non tra le località di Rocchetta e Maso Milano, da dove possono proseguire verso Cles e la val di Sole solo i veicoli con attrezzatura invernale montata. Al momento è vietato il transito sul tratto della S.S. n. 42 da Fucine a Passo Tonale per autotreni ed autoarticolati.

Strade sett 6 – VALLI GIUDICARIE – VAL RENDENA

La nevicata ha riguardato essenzialmente  le località a quote superiori ai 500 metri. Al momento sta nevicando intensamente soprattutto in val Rendena. E’ attivo il posto di controllo di Carisolo. In alta val Rendena dal primo pomeriggio sono in attività oltre alle lame anche le frese per eseguire gli allargamenti in modo da garantire la transitabilità anche per i veicoli più ingombranti e gli autobus turistici.

Strade sett 7 – ZONA ALTO GARDA, VAL DI LEDRO E VAL DI GRESTA  

La nevicata ha riguardato essenzialmente le zone a quote superiori a 800 -1000 metri; sono caduti circa 15 cm di neve in località Viote del M. Bondone. Non si registrano problemi per la viabilità. Al momento nevica debolmente a quote superiori a 1.000-1.200 metri.

Strade sett 2 – BASSA VALSUGANA E PRIMIERO

Si raccomanda particolare attenzione lungo la S.S. 47 della Valsugana per presenza di fenomeni localizzati di pioggia gelata. Al Passo Rolle sono caduti circa 60 cm di neve e sarà chiuso a partire dalle ore 19.00 per pericolo valanghe. Al Passo Brocon sono caduti circa 50 cm di neve.

Strade sett 3 – VALLI DI FIEMME E FASSA

Si registrano circa 10 cm di neve nel fondo valle di Fiemme e Fassa; 25-30 sui passi dolomitici ad eccezione del Passo Valles dove si registrano circa 50 cm di neve.


 

AGGIORNAMENTO - Grossi problemi di viabilità si registrano da ore tra Egna e il passo San Lugano: centinaia di turisti e residenti sono bloccati. La strada è stata chiusa dai carabinieri, le auto dirottate nei parcheggi di fondovalle.

AGGIORNAMENTO - Dal primo pomeriggio nevica copiosamente nella parte occidentale del territorio provinciale a quote superiori a 500 metri circa e nella parte orientale a quote superiori ai 700-800 metri.

Di conseguenza, anche in considerazione dell’intensificazione del traffico registrata a partire dalle ore 10.00, sono stati attivati i seguenti posti di controllo:

  • Carisolo, lungo la SS 239
  • Presson (Dimaro Folgarida), lungo la SS 42
  • Maso Milano (Campodenno), lungo la SS 43
  • Siror, lungo la SS 50
  • Mezzolombardo nord, lungo la SP 64


Al momento sono segnalati rallentamenti con circolazione a senso unico alternato in particolare:

  • sulla SS 43, tra Cles e Mostizzolo e nei pressi del cementificio «Tassullo», per autotreni fermi sulla carreggiata sprovvisti di catene;
  • sulla SS 48 delle Dolomiti, tra Passo S. Lugano e Maso Cela, per incidenti.


Su tutte le strade a quote superiori a 800 - 1.000 metri è richiesta attrezzatura invernale montata.

Cis-Mostizzolo



 

E’ ripreso a nevicare intensamente (nella foto in alto Passo Rolle) nella parte occidentale della provincia ed in particolare in alta Val Rendena ed alta Val di Sole. Si registra un incremento del traffico lungo la SS 237 e la SS 239 da Ponte Caffaro verso Madonna di Campiglio e lungo la SS 43 della Valle di Non e nel tratto della SS 42 da Mostizzolo a salire verso le stazioni turistiche e di sport invernali della Val di Sole.
Per questo oltre al posto di controllo di Presson, nel comune di Dimaro Folgarida, a partire dalle ore 10.30 è stato attivato anche il posto di controllo di Carisolo. A partire dalle ore 11.00 è stato istituito il divieto di transito per autotreni ed autoarticolati nel tratto della SS 42 tra Fucine (Ossana) e Passo Tonale (Vermiglio). 

Località Sabino ore 13.30 - Val di Non (Foto Annalisa Paoli)


La nevicata, in corso dal tardo pomeriggio di ieri, ha interessato maggiormente la parte occidentale e settentrionale del territorio provinciale dove la quota neve si è abbassata fino a circa 300 metri, mentre ad est si è registrata pioggia mediamente fino a 600-800 metri.
Nel fondovalle, a quote superiori ai 600 metri sono caduti tra i 5 ed i 10 centimetri, mentre più in quota, sui passi dolomitici, nelle zone di Passo Tonale e Madonne di Campiglio la coltre nevosa ha raggiunto spessori tra i 15 ed i 25 centimetri.
Le strade principali sono transitabili, senza particolari difficoltà nel fondovalle, dove peraltro si raccomanda di viaggiare con prudenza per fenomeni localizzati di pioggia gelata. E’ richiesta l’attrezzatura invernale montata a quote superiori agli 800 -1000 metri.

Le foto di Viaggiare in Trentino

San Pellegrino


 

Tione - Zuclo 

Molina di Fiemme

Passo Cereda

Questo è il dettaglio della situazione registrata alle ore 9.00

Strade sett 1 – ALTA VALSUGANA
Quota neve a circa 1000/1100 metri
Particolare attenzione lungo la S.S. 47 della Valsugana possibile presenza di fenomeni localizzati di pioggia gelata.
Altopiano di Pinè, Panarotta e alta Val dei Mocheni 10 cm di neve.
Altopiano di Lavarone e Luserna 15 cm di neve.

Strade sett 4 – TRENTO - MONTE BONDONE - PAGANELLA
Quota neve oltre 1000/1100 metri.
S.P. 85 del Monte Bondone in Loc. Vason – Viote caduti circa 20 cm di neve.
Nell’altopiano della Paganella circa 15 20 cm di neve.

Strade sett 8 - VALLAGARINA E ALTOPIANO DI FOLGARIA
Quota neve oltre 1100/1200 metri
Caduti circa 10 -15 cm di neve nelle seguenti località:
Zona Folgaria – Passo Coe.
Zona Brentonico – San Valentino - Monte Baldo.
Alta Vallarsa - Pian delle Fugazze.

Strade sett 5 – VAL DI NON E SOLE
Nelle valli di Non e Sole nevica a quote superiori a 700-800 metri.
Non si registrano particolari problemi per la viabilità nel fondovalle, mentre è richiesta l’attrezzatura invernale montata a quote superiori a 800-1000 metri. 
Per questo è stato attivato il posto di presidio di Presson (Comune di Dimaro Fogarida).

Strade sett 6 – VALLI GIUDICARIE – VAL RENDENA
La nevicata ha riguardato principalmente l’alta Val Rendena.
Al momento sta nevicando debolmente in Val Rendena; sono caduti circa 25 cm di neve a Passo Campo Carlo Magno. 
Tutte le strade sono transitabili; è richiesta l’attrezzatura invernale montata sul tratto della SS 239 tra Carisolo e Campo Calo Magno.

Strade sett 7 – ZONA ALTO GARDA, VAL DI LEDRO E VAL DI GRESTA 
La nevicata ha riguardato essenzialmente le zone a quote superiori a 800 -1000 metri; sono caduti circa 15 cm di neve in località Viote del M. Bondone.
Non si registrano problemi per la viabilità.
Al momento nevica debolmente a quote superiori a 1.000-1.200 metri.

Strade sett 2 – BASSA VALSUGANA E PRIMIERO

Strade tutte percorribili con la dovuta prudenza.
Particolare attenzione lungo la S.S. 47 della Valsugana per presenza di fenomeni localizzati di pioggia gelata.
Passo Rolle e Brocon 20-25 cm di neve.

Strade sett 3 – VALLI DI FIEMME E FASSA

Sono caduti 5-10 cm di neve nel fondo valle di Fiemme e Fassa; 15-20 sui passi dolomitici.
Al momento non si registrano particolari problemi per la viabilità, è peraltro richiesta attrezzatura inverale montata a quote superiori ai 1.100-1.200 metri.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?