Salta al contenuto principale

Blitz del sindacato di base

contro il leader della Cgil

Chiudi
Apri
Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 5 secondi

Blitz notturno del Sindacato di base multicategoriale contro la Cgil e, in particolare, contro il segretario provinciale Franco Ianeselli.

All’esterno della Camera del Lavoro, in via Muredei a Trento, sono stati appesi striscioni e volantini.

A far scattare il blitz, lo si evince in maniera evidente dal contenuto degli strisiconi, la presa di posizione dello stesso Ianeselli («Agitatori di professione») contro il sindacato di base dopo l’irruzione di qualche giorno fa nell’aula del consiglio provinciale, in merito alla questione Whirlpool.

«Ce lo aspettavamo - spiega il segretario della Cgil - conoscendo le loro modalità di azione. Era previsto e dunque tutto ciò non ci preoccupa più di tanto. Quello che fa male - ammette - è il fatto che se uno argomenta contro le loro tesi, immediatamente scatta l’intimidazione notturna».

Sul merito della questione, Ianeselli rivendica il lavoro fatto per gestire gli esuberi Whirlpool: «In Whirlpool abbiamo fatto molto, ottenendo incentivi e 4 anni di stipendio pieno per i lavoratori. La nostra preoccupazione, semmai, è che nelle crisi che affrontiamo oggi non si riesca ad avere condizioni altrettanto buone».

Quanto alla polemica sulla formazione dei lavoratori licenziati: «Non mi vergogno certo di dire che sì, su un totale di 3 milioni di stanziamento, 30mila euro sono stati assegnati, con regolare bando pubblico, a una società della Cgil».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy