Salta al contenuto principale

Urta un pedone:

5 anni senza patente

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 51 secondi

Un incidente stradale non è mai una banalità, anche se nessuno si fa male: basti pensare alle carte da presentare all'assicurazione e al conto del carrozziere. Se ci sono feriti, la situazione si complica e si fa delicata: c'è infatti il rischio di revoca della patente per 5 anni, come sa bene un automobilista trentino che, pochi giorni fa, ha investito un ragazzino che attraversava la strada. È quanto prevede la legge 41 del 23 marzo 2016, in vigore dal 25 marzo, che introduce i reati di omicidio stradale e di lesioni personali stradali.

Uno dei primi casi in cui nella nostra provincia è stata applicata la nuova legge (il primo caso nel capoluogo) ha riguardato, come accennato, l'investimento di un giovane che al momento dell'impatto era sulle «zebre» e dunque avrebbe avuto diritto di precedenza. L'automobilista non l'ha visto e l'ha urtato. La macchina non andava forte e, fortunatamente, il ragazzino non ha battuto la testa a terra, ma le lesioni ad una gamba si sono rivelati gravi: una frattura con prognosi di guarigione superiore al mese, come hanno valutato i medici dell'ospedale. 

Gli agenti della polizia locale, intervenuti per i rilievi dell'incidente, hanno quindi applicato la nuova normativa che riguarda le lesioni definite «gravi», ossia che comportano l'incapacità di svolgere attività di vita quotidiana per un periodo superiore a 40 giorni: si rischia la reclusione da tre mesi ad un anno (la pena sale da uno a tre anni per lesioni gravissime, ossia lesioni che hanno provocato la perdita di un senso o di un organo) e la revoca della patente per cinque anni. Il caso arriverà in un'aula del tribunale e sarà il giudice ad esprimersi. La pena, come specificato dalla normativa, viene ridotta qualora emergano responsabilità di terzi o altre concause, ad esempio buche sulla carreggiata. 

Se si causa un incidente sotto l'effetto dell'alcol e di sostanze stupefacenti, aumenta il periodo di reclusione e c'è l'arresto facoltativo. La possibilità di finire in cella c'è anche se si causano lesioni gravi o gravissime commettendo violazioni al codice della strada, dal mancato rispetto dei limiti di velocità alla guida contromano. Attenzione ai «40 giorni» evidenziati nella legge: possono essere contenuti in un unico certificato oppure sommando i certificati emessi da medici specialistici per «continuazione di malattia».

 

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy