Salta al contenuto principale

I pm di Trento non confermano gli arresti

nei confronti di 7 delle 17 persone

indagate per terrorismo

Chiudi

Carabinieri

Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 0 secondi

Richiesta dai pm di Trento l'inefficacia per 7 dei 17 provvedimenti del gip di Roma per terrorismo, emessi dopo l'indagine del Ros dei carabinieri. Emerge oggi, dopo il deposito avvenuto ieri. La valutazione di tali richieste spetta ora al gip di Trento, Francesco Forlenza.

In sostanza i magistrati di Trento non hanno chiesto l'arresto per tutti e 17 gli indagati, dopo che il gip di Roma aveva passato loro alla fine della settimana scorsa le carte per questioni di competenza territoriale, rendendo così necessaria una nuova richiesta di misure cautelari, pena la decadenza entro venti giorni di quelle emesse, ed eseguite lo scorso 12 novembre, per associazione con finalità di terrorismo internazionale aggravata dalla transnazionalità del reato.

La richiesta di dichiarare "l'inefficacia" delle misure emesse per sette persone riguarderebbe cinque degli indagati al momento cosiddetti "irreperibili", e due tra gli arrestati in Italia, uno in carcere a Trento e l'altro a Bolzano. «Siamo stati molto attenti - spiega il procuratore capo di Trento, Giuseppe Amato, che si sta occupando del fascicolo con i pm Pasquale Profiti e Davide Ognibene - ai singoli elementi indiziari, presupposto fondamentale per le esigenze cautelari: dalla ricostruzione generale siamo passati alle singole posizioni» confermando comunque, a quanto spiega, l'impianto generale dell'accusa.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy