Salta al contenuto principale

Da Zappini (Upt) a Buratti (Upt) una consulenza d'oro

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
2 minuti 8 secondi

zappiniL'Agenzia centrale unica di emergenza è diventata operativa dall'agosto dell'anno scorso, anche se la legge finanziaria appena approvata ha deciso di riportare l'Agenzia all'interno della struttura provinciale facendone un Servizio del Dipartimento della protezione civile. La dirigente Luisa Zappini a dicembre è stata confermata nell'incarico fino al 2018. Tra i provvedimenti assunti in questi pochi mesi, per attuare l'unificazione dei numeri di emergenza 115 e 118, con l'integrazione delle due centrali operative, c'è un incarico di consulenza affidato a Marco Vito Domenico Santonocito, legale rappresentante della Sft2030 srl di Milano, per il coordinamento e la supervisione del progetto per la realizzazione della Centrale unica di emergenza. Il compenso stabilito omnicomprensivo è di  35.000  euro per 50 giornate di lavoro. Un altro provvedimento, del marzo scorso, ha riguardato invece un incarico per 200.000 euro all'associazione Trento Rise di realizzare un «progetto innovativo ad alta valenza tecnologica e di ricerca» in occasione delle Universiadi invernali che si sono tenute in Trentino l'inverno scorso in modo da predisporre soluzioni logistiche e di coordinamento per fronteggiare qualsiasi situazione di emergenza utili per questa ed altre manifestazioni. Nell'accettare l'incarico Trento Rise evidenzia che considerati i tempi ristretti - i primi contatti sono del settembre scorso - e il carattere di estrema ed obiettiva urgenza nonché le finalità di pubblica sicurezza, «non paiono sussistere alternative all'affido diretto del relativo contratto», e chiede i nominativi dei potenziali affidatari. La Centrale unica di emergenza ha indicato a Trento Rise il nominativo del «soggetto in grado di trattare le tematiche in questione, riguardanti sistemi intelligenti di coordinamento e controllo in emergenza, la ditta Ice & Fire di  Corrado Buratti  di Mezzocorona». Trento Rise ha dunque poco dopo comunicato alla dirigente Zappini di aver acquisito la migliore offerta dalla ditta di Corrado Buratti, che ha definito la propria partecipazione al progetto per 130.000 euro.
Luisa Zappini e Corrado Buratti hanno in comune, oltre al fatto di essere impegnati entrambi professionalmente, anche se su fronti diversi, nel campo dell'emergenza e la sicurezza antincendi e di evacuazione, anche il fatto che entrambi militano nell'Unione per il Trentino. Zappini è stata candidata alle elezioni provinciali nel 2008 e presidente Upt, Buratti è stato anche lui presidente provinciale dell'Upt fino al congresso del 6 aprile scorso. La dirigente Zappini non deve aver dunque fatto molta fatica a farsi venire in mente il nome di Buratti come «soggetto in grado di trattare le tematiche in questione». E a lui, senza cercare tanto, è stato affidato l'incarico diretto.  Twitter: @patrunoladige

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?