Salta al contenuto principale

Il gruppo Marangoni vende

i gioielli di famiglia

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
2 minuti 36 secondi

Il gruppo Marangoni vende i gioielli di famiglia per salvare il core business, cioè la produzione di pneumatici a Rovereto. È in fase di perfezionamento la cessione della maggioranza del capitale sociale di Marangoni Meccanica a due investitori istituzionali della regione, La Finanziaria Trentina, holding di partecipazioni di un pool di imprenditori locali, e l’altoatesina Alpenring. L’apporto di capitale complessivo è di 10 milioni di euro, di cui 2 milioni messi dalla stessa famiglia Marangoni e il resto a metà tra le due finanziarie, dopo aver coperto le perdite pregresse col capitale precedente. Con questa operazione l’azienda produttrice di macchinari per la ricostruzione di pneumatici, 100 addetti e commesse per oltre 30 milioni di euro, esce dal perimetro del gruppo.

Intanto, nell’ambito dell’accordo di partnership dello scorso novembre, l’azienda brasiliana Borrachas Vipal acquisisce il 51% di Marangoni Tread North America, con sede nel Delaware, Usa. Il restante 49% resta in capo a Marangoni spa di Rovereto. Vipal ha già tre centri di distribuzione negli Stati Uniti e punta quindi a espandersi nel mercato nordamericano. La Marangoni Tread North America si occupa di materiale prestampato per la ricostruzione e ha realizzato nell’esercizio 2017, ultimo disponibile, ricavi per 29,1 milioni di dollari e un risultato netto positivo per oltre 2 milioni di dollari.

Torniamo all’operazione Marangoni Meccanica. L’azienda roveretana lavora su grandi commesse di macchinari industriali, ormai robotizzati, e ha sempre avuto mercati importanti, dal Nord Europa, come la grande linea di confezione pneumatici robotizzata venduta nel 2014 in Finlandia, agli Stati Uniti, a Paesi emergenti come India e Cina. Il volume d’affari oscilla in base alla conclusione delle commesse tra i 20 e i 40 milioni, in genere con buona marginalità e utili importanti.
Negli ultimi anni però l’azienda si è trovata in difficoltà finanziaria: la lavorazione degli ordini richiede tempo e disponibilità liquide ma tutto il gruppo Marangoni ha problemi finanziari e quindi non ha potuto sostenere Meccanica come avrebbe dovuto. Nel 2017 Marangoni Meccanica registra un valore della produzione di 13 milioni, in calo sui 19 dell’anno prima, e una perdita netta di 3,9 milioni che decurta il patrimonio da 9,2 a 5,6 milioni. I debiti ammontano a 30 milioni, di cui 7 con imprese del gruppo, 2,9 con le banche e 6,8 milioni di prestiti obbligazionari, sottoscritti in particolare dal Fondo Strategico Trentino Alto Adige gestito da Finint Investments sgr.

Proprio nell’assemblea degli obbligazionisti del 6 marzo scorso, a fronte delle richieste degli investitori, il presidente di Marangoni Meccanica Giorgio Marangoni illustra il piano industriale basato sul presupposto dell’apporto di nuovo capitale per almeno 5 milioni da sottoscrivere da parte di nuovi soci terzi. «Sono in corso - si legge nel verbale - avanzate discussioni con potenziali investitori, in particolare un investitore istituzionale e altri soci rappresentanti la famiglia Marangoni, con previsione di perfezionamento al 30 giugno 2019».
L’investitore istituzionale è La Finanziaria Trentina, la holding di 74 imprenditori trentini presieduta da Lino Benassi. «Abbiamo esaminato il dossier Marangoni Meccanica - conferma il direttore Massimo Fedrizzi - ma dobbiamo fare le nostre valutazioni». Secondo quanto emerge da fonti aziendali e sindacali, però, l’accordo di massima sarebbe stato raggiunto. E ora Meccanica può ripartire: nell’ultimo bilancio si parla di opportunità commerciali nel triennio per 150 milioni.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy