Salta al contenuto principale

Trento, per la ferrovia interrata

da via Brennero alle Albere

servono 1,45 miliardi di euro

Chiudi

Scalo Filzi, Trento, ferrovia, interramento

Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 36 secondi

L’importo è confermato: bypassare la città capoluogo con 12 km di galleria ferroviara fra Trento nord e Mattarello sud e interrare i binari storici fino alla zona del quartiere Le Albere costerà tra 1,3 e 1,45 miliardi. È l’esito dell’analisi costi-benefici cui sta lavorando il gruppo misto di tecnici di Rfi (Rete ferroviaria italiana), Provincia e Comune di Trento.

La conclusione dell’analisi di fattibilità economica delle opere legate al Corridoio del Brennero è alla stretta finale. Entro il mese, i lavori dovrebbero essere conclusi con una relazione puntuale di raffronto tra il non fare niente e la soluzione migliore per l’interramento e il bypass: 1 miliardo per la lunga galleria sotto la collina est, il resto dell’importo per l’interramento dei binari nel centro città. La fattibilità tecnica è già invece stata certificata da tempo.

Il progetto? Per realizzare l’interramento dei binari e la galleria-bypass di 12 km da Trento Nord a Mattarello sud, sarà necessaria una revisione completa del sistema idraulico dell’area interessata dalle opere. Il progetto di Rfi del 2009 aveva previsto una rampa che scendeva fino a -19 metri nel tratto tra il viadotto di Canova e quello di via dei Martiri di Nassiriya. La nuova soluzione, aveva ricordato Facchin ai tecnici dell’«Osservatorio», raccordandola con i progetti «Nordus» (raddoppio della Trento-Malé) e «Ring» (utilizzo a tramvia della ferrovia della Valsugana a servizio della collina est) prevede le rampe di accesso nord delle linea storica e della linea merci disposte con la stessa pendenza per arrivare a quota -9 metri già prima del sovrappasso di Nassiriya.

Da circa 200 metri a nord del cavalcavia e fino al sottopasso all’altezza del Palazzo delle Albere, la linea del Brennero sarebbe interrata, per garantire i collegamenti trasversali a raso. La Trento-Malé sarebbe raddoppiata tra Canova e Nassiriya, rimanendo in superficie fino all’altezza del campo Coni-Covi, per poi in sotterraneo arrivare fino al sottopasso del Palazzo delle Albere. Tempi di realizzazione previsti? Circa 15 anni.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy