Salta al contenuto principale

Stop ai Tir al Brennero

Il Tirolo spaventa l'economia

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
0 minuti 39 secondi

«Le misure unilaterali che l’Austria intende adottare ledono la competitività delle aziende esportatrici italiane e rischiano di bloccare la timida ripresa economica italiana che poggia esclusivamente sull’export», dichiara Thomas Baumgartner, presidente degli autotrasportatori Anita in vista della prossima limitazione del traffico pesante il 3 ottobre.

«L’estensione del divieto settoriale ad altre merci - legno, prodotti della chimica-plastica; metalli, macchinari e apparecchiature - e l’applicazione dello stesso anche ai veicoli Euro6 dal 1 agosto 2019, è un’imposizione inaccettabile che, se attuata, determinerà danni incalcolabili non soltanto alla filiera del trasporto e della logistica italiana ma all’interno settore produttivo del ‘made in Italy’, come abbiamo già avuto modo di constatare con i precedenti provvedimenti bocciati dalla Corte di Giustizia Ue», afferma Baumgartner chiedendo l’urgente intervento di Bruxelles.
   

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy