Salta al contenuto principale

Artingegna: oltre 100 espositori

per il festival dell'artigianato

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
1 minuto 42 secondi

Oltre 100 espositori, mostre, sfilata di moda e tanti laboratori interattivi per raccontare le eccellenze dell’artigianato trentino. «Artingegna 2018», dal 6 all’8 aprile, torna a Rovereto. Il festival dell’artigianato, per la prima volta, sarà ospitato in Progetto Manifattura e riprende la tradizionale Mostra dell’Artigianato che, dal 1976, racconta le eccellenze Trentino.

Tra le novità di questa edizione c’è anzitutto la location: per la prima volta infatti la rassegna si svolgerà in Progetto Manifattura, a Borgo Sacco, in un piazzale interno allo storico opificio tabacchi appositamente allestito per accogliere gli oltre cento espositori con i loro prodotti, dimostrazioni, conferenze e laboratori interattivi. A corredare la manifestazione la presentazione del marchio «100% Valore Artigiano», la premiazione dei neodiplomati maestri artigiani gelatieri, una mostra dedicata all’innovazione nelle piccole e medie imprese e l’ormai tradizionale sfilata organizzata dagli studenti del centro moda Canossa di Trento. Ma anche una biciclettata guidata dalla giovane campionessa Letizia Paternoster, che sabato 7 aprile partirà dal centro storico per raggiungere Borgo Sacco. Una grande festa del «made in Trentino», dunque, nell’hub «green» di Trentino Sviluppo, ma non solo: nei giardini pubblici antistanti la Manifattura verrà infatti allestito un parco tematico, dove adulti e bambini potranno cimentarsi nei mestieri di una volta.

«Nell’artigianato di oggi - osserva Alessandro Olivi - pulsa forte uno spirito di innovazione che spesso non viene completamente colto da chi non vive questo mondo».

«Chi verrà ad Artingegna - osserva Marco Segatta, presidente dell’Associazione Artigiani Trentino - troverà un centinaio di artigiani in rappresentanza di molte categorie: da quelle più tecnologiche ai birrifici, dai posatori di porfido agli esperti di informatica».
«Un evento importante che ha radici solide e profonde. - ha detto il sindaco Francesco Valduga - Un glorioso passato che nel presente sta esprimendo forte capacità di innovazione. Non a caso la manifestazione si è spostata dal centro storico alla ex Manifattura, con una importante collaborazione tra impresa, scuola e le diverse associazioni che fanno sì che l’evento diventi una festa della comunità che si rende conto delle sue potenzialità e le mostra».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy