Salta al contenuto principale

Trentino, discoccupazione al 5,7%

È la metà di quella italiana

Aumenta di più l'occupazione femminile

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
2 minuti 9 secondi

Scende al 5,7%, contro il 6,8% dell’anno precedente, il tasso di disoccupazione in Trentino. È il valore più basso nell’ultimo quinquennio. Il numero dei disoccupati è sceso del 15,7%.

È quanto emerge dai dati Istat sulla forza lavoro in Trentino riferiti alla media del 2017 e al quarto trimestre dello scorso anno, diffusi oggi dall’Ispat l’Istituto di statistica della Provincia di Trento.

Nel dettaglio dei numeri, il 4° trimestre 2017, su base annua, rileva che:

  • le forze di lavoro superano le 250mila unità con un aumento pari all’1,6%: in incremento evidente le donne (5,4%), in calo gli uomini (-1,4%);
  • gli occupati sono circa 237mila con una crescita del 3,6%, risultato di entrambi i generi (uomini +0,7%; donne +7,1%);
  • i disoccupati sono scesi sotto le 14mila unità con una riduzione marcata e pari al 23,4%.


In media 2017 si osservano gli stessi risultati con variazioni meno evidenti. Nell’anno 2017 circa 251mila unità sono attive nel mercato del lavoro e si suddividono in 237mila occupati e 14mila disoccupati.
Riscontri tutti positivi anche per i principali indicatori del mercato del lavoro sia nel trimestre che nell’anno, con risultati migliori per la componente femminile.

Il tasso di occupazione è prossimo nel 4° trimestre 2017 al 68% (67,9%) ed è pari nell’anno 2017 al 67,6%. Si osserva ancora un chiaro divario fra uomini e donne anche se in riduzione: nel 2017 per le donne si supera il 62% (62,1%) dal 59,1% del 2016, per gli uomini si raggiunge il 73% valore uguale al 2016.

Il tasso di disoccupazione è pari al 5,5% nel 4° trimestre 2017 e in media annua è sotto il 6% (5,7%). Questo tasso è uguale per le donne e gli uomini.

In Italia nel 2017 si osserva che:

  • il tasso di occupazione è pari al 58,0%, circa 10 punti percentuali in meno di quello trentino;
  • il tasso di disoccupazione è pari all’11,2%, più o meno il doppio di quello trentino.


I dati, spiega l’Ispat, confermano l’evoluzione positiva del mercato del lavoro con l’occupazione in aumento e la disoccupazione e l’inattività in contrazione. Il buon risultato riflette la partecipazione sempre più importante delle donne. Il 4° trimestre 2017 mostra una situazione in miglioramento rispetto allo stesso trimestre del 2016 con forze lavoro e occupati in crescita, disoccupazione e inattività in diminuzione. L’analisi annuale conferma sostanzialmente quanto verificatosi per il 4° trimestre.

«Questi dati dimostrano – commenta il presidente della Provincia Ugo Rossi – che forse la realtà è diversa da come viene percepita. Nel 2017 il trend di crescita dell’occupazione si è consolidato, con riscontri positivi in particolar modo sull’occupazione femminile. Si tratta di un segnale che genera fiducia per il futuro. Certo non dobbiamo abbassare la guardia e continuare ad impegnarci a lavorare per sostenere e rafforzare la ripresa economica».

Ecco il report completo:

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?