Salta al contenuto principale

Sait, 130 euberi: pensione

forse per 30, cassa per 420

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
! minuto 31 secondi

Al Sait 130 esuberi: 30 di loro potrebbero arrivare alla pensione. La trattativa fra Sait e sindacati sulla cassa integrazione straordinaria dovrebbe chiudersi il prossimo 21 marzo con l'incontro al Servizio lavoro della Provincia.

Intanto Sait chiederà la cassa integrazione a zero ore per dodici mesi per tutti i 420 dipendenti della sede centrale di via Innsbruck. In questo ambito si definirà il ricorso a rotazione all'ammortizzatore sociale e si individueranno i lavoratori che potrebbero essere accompagnati alla pensione, probabilmente una trentina, nell'ambito dei 130 esuberi previsti dal consorzio della cooperazione di consumo.
 
«Abbiamo definito le date dei confronti - spiega il segretario della Fisascat Cisl Lamberto Avanzo - L'8 e il 10 marzo ci sarà la trattativa con Sait, il 21 marzo saremo al Servizio lavoro della Provincia per la predisposizione del documento finale».
«Sait chiederà la cassa integrazione straordinaria a zero ore per tutti i 420 dipendenti della sede centrale - prosegue Avanzo - La trattativa dovrebbe definire i termini e i paletti della rotazione». Con la cassa integrazione, sostengono i sindacati Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs Uil che seguono la vertenza, c'è davanti un anno per limitare gli esuberi e trovare soluzioni alternative. Nel frattempo chi è in cassa prenderà l'80% dello stipendio.
«Bisognerà capire i ruoli di ciascuno - dice ancora Avanzo - chi è vicino al pensionamento e sarà più disponibile alla cassa a zero ore e gli altri che invece faranno la rotazione. I dipendenti vicini alla pensione non sono molti quest'anno, ma se si considerano tre anni, l'anno di cassa integrazione e due anni di disoccupazione, c'è una trentina di persone che potrebbero arrivarci».
Un'altra strada è quella della ricollocazione. «A qualcuno degli uffici o del magazzino potrebbe essere chiesto di ricollocarsi nei negozi». Che in effetti Sait dichiara di voler potenziare. 
 

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?