Salta al contenuto principale

I cinque linguaggi dell'amore

Venerdì a Trento andrà in scena Pierluigi Bartolomei

Chiudi

Pierluigi Bartolomei

Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
! minuto 23 secondi

Venerdì 18 maggio al teatro del Collegio Arcivescovile (ore 20.30) andrà in scena lo spettacolo I cinque linguaggi dell’amore, ideato e interpretato da Pierluigi Bartolomei, liberamente tratto dall’omonimo libro dello psicologo americano Gary Chapman: esilarante ma nel contempo denso dei contenuti, presenta e contestualizza le cinque principali modalità con cui è possibile dire «Ti amo» al proprio partner, tenendo conto della sua specifica sensibilità.

Pur con la sua veste leggera della stand-up comedy tanto usata dai comici Crozza e Brignano, permette di riflettere sulla bellezza della differenza e della complementarietà tra uomo e donna a pochi giorni dalla Giornata Internazionale della Famiglia che si celebra il 15 maggio. La serata è promossa da diverse sigle pro-family presenti nel capoluogo trentino: l’Associazione Famiglie Numerose, il Centro di pastorale familiare, il Coordinamento Famiglie Trentine, Fatti per amare, Incontro matrimoniale, Iner Trentino e il Movimento per la vita di Trento oltre al Collegio Arcivescovile, che ospiterà lo spettacolo nel suo teatro venerdì prossimo 18 maggio, alle ore 20.30. Per chi viene in auto è possibile parcheggiare presso il Seminario Minore. L’intera cittadinanza è invitata.

Pierluigi Bartolomei romano, sposato, padre di cinque figli, è preside della Scuola di formazione Elis, responsabile dell’Ong che promuove programmi di cooperazione allo sviluppo nei 5 continenti e docente di comunicazione efficace e public speaking. Un passato da aspirante attore cinematografico e una forte passione per il teatro specialmente per il cabaret. Durante l’università ha coltivato un altro grande desiderio, quello per il canto, partecipando a numerose feste di piazza con un complesso musicale noto soprattutto nel centro Italia. Ora gira l’Italia portando da nord a sud lo spettacolo da lui stesso ideato e interpretato «I cinque linguaggi dell’amore».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?