Salta al contenuto principale

Al Rossini Opera Festival

c'è Cecilia Molinari, rivana,

medico e cantante lirica

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 39 secondi

Per il 40° Rossini Opera Festival è andata in scena ieri al Teatro Rossini la «prima» di «Demetrio e Polibio», opera seria su libretto di Vincenzina Viganò-Mombelli rappresentata per la prima volta a Pesaro nel 2010, a 200 anni dalla sua composizione. La compagnia di canto comprende Jessica Pratt (Lisinga), il mezzosoprano trentino Cecilia Molinari (Demetrio-Siveno), Juan Francisco Gatell (Demetrio-Eumene) e Riccardo Fassi (Polibio); Paolo Arrivabeni dirige la Filarmonica Gioachino Rossini e il Coro del Teatro della Fortuna, la regia è di Davide Livermore. 

Una conferma per la cantante trentina. Nata a Riva del Garda, diplomata in Canto e in Flauto, laureata in Medicina, si è perfezionata presso l'Accademia Rossiniana con la guida di Alberto Zedda. E da allora è spesso nei cast rossiniani.

Questa è la prima opera di Gioachino Rossini; composta intorno ai 18 anni (1810), ma il compositore cominciò a lavorarci a sedici anni. Andò però in scena al Teatro Valle di Roma solo nel maggio 1812. In realtà è una delle opere meno rappresentate, paradossalmente ocurata come fu dagli altri capolavori di Rossini. Ma è stato proprio il Rossini Opera festival a rivalutarla e a farla riscoprire una decina d’anni fa.

Altro titolo in programma è «Semiramide», che ieri ha inaugurato il Festival con la direzione di Michele Mariotti (alla guida dell’Orchestra Nazionale della Rai) e la regia di Graham Vick; nel cast Salome Jicia col ruolo del titolo e Varduhi Abrahamyan (Arsace). Domani sarà la volta de «L’equivoco stravagante», dramma giocoso in due atti su libretto di Gaetano Gasbarri; Carlo Rizzi dirige l’Orchestra Nazionale della Rai, nella compagnia Teresa Iervolino (Ernestina) e Paolo Bordogna (Gamberotto).
Come ogni anno sarà inoltre allestito «Il viaggio a Reims», protagonisti gli allievi dell’Accademia Rossiniana. Le repliche proseguiranno fino al 23 agosto. È questo un appuntamento di un certo rilievo per Cecilia Molinari, nata a Riva del Garda (figlia di Claudio, l’ex sindaco e senatore rivano), che questo autunno canterà la parte di Cherubino ne «Le nozze di Figaro» al Palau de les Arts di Valencia.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?

L'utilizzo della piattaforma dei commenti prevede l'invio di alcune informazioni al fornitore del servizio DISQUS. Utilizzare il form equivale ad acconsentire al trattamento dei dati tramite azione positiva. Per maggiori informazioni visualizza la Privacy Policy