Salta al contenuto principale

Filarmonica, una stagione con 18 appuntamenti 

Arrivano Sollima, Malofeev, Gabetta

Chiudi

Giovanni Sollima

Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
2 minuti 3 secondi

Diciotto appuntamenti con artisti di fama internazionale costituiscono la stagione 2019 della Società Filarmonica di Trento, annunciata brevemente al pubblico in occasione dell’ultimo concerto di quella appena conclusa.

Accanto a virtuosi già affermati vi saranno quattro giovani talenti per i quali si intuiscono brillanti carriere. L’inizio è fissato al 14 gennaio con l’orchestra barocca Modo Antiquo diretta da Federico Maria Sardelli, gruppo contraddistinto da alto virtuosismo e profonda conoscenza della prassi esecutiva storica.

Il 25 sarà a Trento lo Scharoun Ensemble Berlin, uno dei più importanti gruppi da camera della Germania.
Il binomio Schumann-Brahms sarà in auge il 5 febbraio col violoncellista Nicolas Altstaedt e il pianista Alexander Lonquich, mentre brani del più interessante Novecento saranno il menu della Bas - Baggio Sinfonietta (11 febbraio), fondata da Davide Cabassi e comprendente musicisti di straordinario valore.

Il 18 febbraio riflettori puntati sul giovanissimo Alexander Malofeev, precoce stella che sbalordisce per la sicurezza con la quale affronta i capolavori del repertorio pianistico. Icona della musica da camera è il Quartetto Hagen (il 1° marzo) mentre la serata dell’11 marzo, in accordo con Steinway Prizewinner, ospiterà Dmitry Shishkin, vincitore del rinomato Concorso Internazionale di Ginevra. L’appartenenza all’Orchestra del Concertgebouw di Amsterdam è il denominatore comune del clarinettista Calogero Palermo e del Goya Quartet, a Trento il 19 marzo.

Pianoforte e fiati sono protagonisti il 2 aprile con artisti quali Pietro De Maria, Alessandro Carbonare, Francesco Di Rosa, Guglielmo Pellarin e Francesco Bossone. Bach e Piazzolla in evidenza il 16 aprile con l’Isabelle van Keulen Ensemble, ultimo appuntamento prima della pausa estiva.

I concerti riprendono il 4 ottobre col gradito ritorno di Filippo Gorini, già presente nella passata stagione quale «new star» del pianoforte, proseguono quindi il 15 ottobre con «Sentieri selvaggi» (diretto da Carlo Boccadoro) e il soprano Cristina Zavalloni.

Il 25 ottobre tocca al trio formato da Francesco Manara (violino), Alessandro Travaglini (clarinetto) e Roberto Plano (pianoforte). La celebre violoncellista Sol Gabetta, accompagnata da Nelson Goerner al pianoforte, si esibisce il 5 nomembre.

Giovani talenti in primo piano invece l’11 novembre: Gennaro Cardaropoli al violino e Alberto Ferro al pianoforte, interpreti già pluripremiati nonostante i loro pochi anni. Il 26 novembre si spazia dalla polifonia rinascimentale alle ritmiche contemporanee con il gruppo Voces8. Giovani e pieni di talento i componenti del Trio Metral, in locandina per il 3 dicembre. Il recital del grande e istrionico violoncellista Giovanni Sollima concluderà la stagione il 9 dicembre.

È iniziata già la vendita degli abbonamenti, disponibili presso la sede di via Verdi 30 dal lunedì al venerdì dalle ore 9 alle 14, fino al 21 dicembre.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?