Salta al contenuto principale

Verdiana Raw questa sera

alla Bookique

Chiudi
Apri
Per approfondire: 
Tempo di lettura: 
! minuto 33 secondi

Il suo primo album Metaxy uscito cinque anni fa ci aveva colpiti per la sua vitale cupezza, ma ora con Whales know the route Verdiana Raw focalizza ulteriormente la sua idea di musica.

Un lavoro che sarà al centro del live della cantante toscana in cartellone stasera alle 21 negli spazi della Bookique e in cui si potranno scoprire le diverse sfumature di Verdiana Maria Dolce in arte Verdiana Raw accompagnata dalla sua band. Una voce intrigante quella di Verdiana Raw, cantautrice e performer indipendente che trasla l’istinto e la forza della femminilità in una sapienza espressiva di rara intensità.

Dopo studi, fin da bambina, legati al violino ed esperienze in alcune band, Verdiana nel 2004 si allontana da Firenze e si trasferisce a Palermo, portando con sé una demo, una raccolta di canzoni voce e pianoforte in inglese. Comincia a sperimentare usando la propria voce in modi estremamente espressivi e non convenzionali, sviluppando un proprio modo di accompagnarsi al pianoforte, e così decide di proseguire sulla strada del cantautorato.

Tornata a Firenze, incontra nel 2010 il chitarrista Antonio Bacchi e il percussionista Fabio Chiari, con i quali riarrangia i brani che confluiscono in «Metaxy» mixato da Filippo Panichi. Le atmosfere rarefatte, metafisiche, ma profondamente intimiste, e la ricerca vocale rispecchiano il significato del titolo, platonico interregno fra «uomini e dèi, saggezza e follia».

Nonostante la necessità di catalogazione per il mercato musicale, Verdiana tenta di sfuggire all’omologazione del materiale attraverso brani strumentali, «Escaping from the guards» e «Ascending to the moon» e composizioni in più lingue come nel caso di «Corvus Psychè» in francese e riadattamento di una poesia di Guillaume Apollinaire.

Nel 2014 si esibisce al Wave Gotik Treffen di Lipsia e poi si concentra sul cd «Whales know the route» con la produzione artistica di Paolo Favati dei mitici Pankow formazione imprescindibile per il sound post industriale italiano.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?